Un furto è un furto. Ma sarebbe curioso sapere, in questo caso, che fine ha fatto la refurtiva. A oltre quattro anni di distanza dai fatti, cinque romeni sono stati condannati stamani a 2 mesi e 10 giorni dal Tribunale di Milano per furto per aver portato via da un laghetto di un’associazione sportiva 25 carpe e un’anatra.

La sentenza è stata emessa dalla III sezione penale. In particolare, stando all’imputazione formulata dalla Procura di Milano, i cinque, difesi nel curioso dibattimento dal legale Giuseppina Bartolotta, “in concorso tra loro e al fine di trarne profitto” si sarebbero impossessati nel luglio del 2014 “di 25 carpe e un’anatra sottraendole dal laghetto di Molinello di proprietà dell’associazione sportiva dilettantistica Lo Storione a Rho, nel Milanese. Tra l’altro il reato contestato era aggravato perché sarebbe stato commesso da “5 persone”. Il giudice ha sì condannato gli imputati, ma ha sospeso la pena.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gran Sasso, le accuse all’Istituto di fisica: “Rischio contaminazione da composti chimici per acqua di 700mila cittadini”

prev
Articolo Successivo

Domenico Lucano, il gip sul sindaco di Riace: “Superficiale e spregiudicato, ma non c’è stato arricchimento”

next