“Confermiamo le anticipazioni che ci avevano indotto a definirla seria razionale e coraggiosa. Confermiamo il programma delle riforme annunciate che partiranno già nel 2019. Abbiamo inoltre lavorato a disegnare la manovra in modo da accelerare la discesa del rapporto debito/Pil in modo consistente nell’arco del triennio”. Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha riassunto le conclusioni del vertice a Palazzo Chigi sulla manovra economica con i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, il ministro dell’Economia Giovanni Tria, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti e i due sottosegretari all’Economia Laura Castelli e Massimo Garavaglia. Le parole di Conte fanno immaginare che il governo sia orientato a ridurre il livello di deficit del 2020 e 2021 rispetto al 2,4% fissato per il 2019, dando così un segnale di apertura alle richieste della Commissione europea.

L’incontro si è svolto a cinque giorni dal consiglio dei ministri che ha approvato la Nota di aggiornamento al Def. Il documento non è però ancora stato reso pubblico né inviato alle Camere. Il meccanismo per accelerare la riduzione del debito, secondo l’Ansa, non è ancora stato definito e per questo il lavoro dei tecnici continuerà nel corso della notte. Mentre il tavolo con i ministri e i sottosegretari tornerà a riunirsi mercoledì mattina a Palazzo Chigi.

Il leader M5s dal canto suo ha spiegato che il 2,4% è “confermato” e “si punta a una diminuzione del debito negli anni successivi grazie alla crescita che ci sarà e ai tagli agli sprechi prodotti dal lavoro del nostro team “mani di forbici“. Alcuni dettagli saranno ulteriormente definiti domani mattina”. Un concetto ribadito anche a diMartedì, su La7, dopo il vicepremier ripete che “stiamo studiando nuove coperture per abbassare il debito più velocemente”.

Di Maio ha ripetuto che la manovra “conterrà tutto quello che gli italiani ci hanno chiesto, quello che hanno votato il 4 marzo”. Quindi “10 miliardi per il Reddito di Cittadinanza“, “ci sbarazzeremo poi della legge Fornero“, “stanzieremo 1 miliardo e mezzo di euro per risarcire i risparmiatori truffati dalle banche”. In mattinata, parlando a Rtl 102.5, Di Maio aveva spiegato che “se hai un appartamento e chiedi il reddito di cittadinanza, dai 780 euro ti viene stornato il cosiddetto affitto imputato“, quello che pagherebbero se fossero inquilini, “quindi dai 780 euro dei redditi zero arrivi a circa 400 euro“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spread ai massimi dal 2014, ecco la sua corsa in scia alle esternazioni dei politici (e con gli acquisti Bce dimezzati)

prev
Articolo Successivo

Manovra, Tria: “Deficit al 2,4% solo nel 2019, poi si ridurrà. Non siamo governo della finanza allegra”. Spread in altalena

next