“Mi ha dato tanta forza il fatto che la gente fosse dalla mia parte. Mi ha veramente aiutato in un momento terribile”. Così a Non è l’arena (La7) Asia Argento, tra le lacrime, risponde a Massimo Giletti che le chiede anche cosa non sia stato capito della vicenda relativa alle accuse lanciate dall’attore americano Jimmy Bennett. “Il fatto di essere stata chiamata ‘pedofila’” – risponde l’attrice – “E’ uno stigma che non auguro a nessuno. Io ho dei figli e li ho visti soffrire anche per la morte di Anthony (Bourdain, ndr). Non so come io faccia a stare qui ancora in piedi, perché dovrei stare in ginocchio a bocconi. Ma sono in piedi. Non sono sola, ho i miei figli. Loro hanno sofferto tantissimo”. E rivela: “In questo momento mio figlio sta vivendo col padre negli Stati Uniti, perché, quando hanno iniziato a chiamarmi ‘pedofila’, prima che uscisse X Factor e si ribaltasse un po’ l’opinione pubblica sul mio conto, avevo paura di episodi di bullismo. Non va bene, però siamo una famiglia unita”.
L’attrice poi aggiunge: “Io vorrei ritornare a X Factor, riappropriarmi della mia vita. Voglio tornare a fare il mio lavoro, perché mi ha tenuto in vita dopo la morte di Anthony, perché i miei figli sono fieri di me, perché l’Italia mi vuole. E me lo merito, perché non ho fatto niente di quello di cui sono accusata”.
E Giletti si schiera dalla parte di Asia Argento, rivolgendo direttamente un appello all’ad di Sky Italia, Andrea Zappia: “Sono convinto che sia un errore assoluto togliere Asia da X Factor, chi deve decidere ci pensi bene”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morandi, Renzo Piano: “Il nuovo ponte deve essere costruito rapidamente e deve durare 2mila anni”

next
Articolo Successivo

Reddito cittadinanza, Rinaldi vs Lavia: “Lo Stato ha il dovere di aiutare persone povere”. “Sembra un bolscevico”

next