di Nicola Melzani

Si sente parlare tantissimo di questo ex giocatore, diventato una icona del calcio e beniamino dei mass media, più ora che nel pieno della sua carriera. Se ne parla dipingendolo con toni trionfalistici del tipo “fuoriclasse assoluto” “il più forte giocatore italiano di sempre” “giocatore straordinario” “una leggenda del calcio”. Ma se si va ad analizzare tutta la sua carriera non si può non notare che tutta questa enfasi nel descrivere questo calciatore non è giustificata dal suo curriculum. Sicuramente Totti è stato un giocatore di alto livello dotato di classe e grande tecnica ma non può essere messo sullo stesso piano dei migliori giocatori italiani di sempre.

Il presunto fuoriclasse cosa ha fatto per essere considerato un grandissimo? Nella Roma ha fatto sì 250 gol nei venti anni di serie A giocati ed è stato determinante nella conquista dello scudetto 2001, ma nelle competizioni internazionali non è mai stato protagonista. Nelle nove partecipazioni alla Champions non è andato oltre due quarti di finale persi malamente contro il Manchester united. Il suo gol più importante nella competizione lo ha realizzato al Lione a livello di ottavi di finale con un record complessivo di 17 gol in 57 partite, numeri buoni ma non straordinari. In coppa Uefa e Europa League mai oltre gli ottavi.

Si può dire che la Roma non è un club di primissimo livello europeo ma nell’epoca Capello e anche nella prima Roma di Spalletti sulla carta la squadra era potenzialmente competitiva con in rosa fior di giocatori (Cafu, Batistuta, De Rossi, Montella, Emerson, ecc.), eppure il “grande fuoriclasse” non è mai riuscito a fare la differenza e a portare la Roma ad essere protagonista in Europa. Cosa che ad esempio riuscì alla Roma di Falcao e Conti, o anche alla Samp di Vialli e Mancini, altra squadra di non grande blasone.

In nazionale i numeri non sono migliori; 58 presenze e 9 gol, anche qui un dato buono ma non straordinario. Baggio, con circa lo stesso numero di presenze, ha realizzato in nazionale 27 gol. Come si fa a considerare eccezionale un attaccante che con soli 9 gol è 34° nella graduatoria dei realizzatori con la maglia azzurra ? Saranno stati gol pesantissimi? Sembra proprio di no, visto che quelli più importanti sono stati un gol su rigore all’Australia negli ottavi del Mondiale 2006, unico suo gol in carriera ai Mondiali, e due gol nei primi turni all’ Europeo 2000.

Con la nazionale ha vinto il Mondiale, ma di quel Mondiale non è certo stato tra i protagonisti. Ha dato il suo contributo, ma come hanno fatto tanti altri buoni giocatori come Iaquinta, Camoranesi, Zambrotta, ecc. senza essere per questo considerati straordinari. I protagonisti di quel Mondiale furono Buffon, Pirlo, Cannavaro, Grosso, che segnò gol decisivi,non Totti, che ebbe nel torneo un ruolo di secondo piano.

In tutta la sua carriera, Totti ha ottenuto grandi numeri solo nel campionato italiano con 250 gol realizzati (gol che comunque hanno portato alla fine solo ad uno scudetto) ma se non si incide nei grandi tornei non puoi essere considerato grande. Un ciclista può anche vincere cinquanta tirreno adriatico, cento Coppe Agostoni, ma se nei grandi giri o nelle classiche non va più in là di qualche piazzamento come può essere considerato tra i più grandi? Totti entra a pieno titolo nella sala dei giocatori italiani da ricordare ma non può sedersi sul trono e neanche nelle poltrone in prima fila. Si deve accontentare della seconda fila. E a Roma dovrebbero farsi la domanda se in questi ultimi anni sarebbero riusciti a vincere qualcosa se non fossero rimasti ostaggio di questo falso mito.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.