“Il governo attuale sta facendo delle ottime cose e credo sia gente in gamba, lui può anche candidarsi alle europee ma non credo sia opportuno per tutto quello che è successo. Secondo me dovrebbe pensare a fare il nonno”. Così la modella di origine marocchina Imane Fadil, parte civile nel processo Ruby Ter a margine dell’udienza in corte d’appello a Milano. In merito al processo la Fadil ha spiegato: “Io mi aspetto giustizia, non voglio che lui vada in prigione, è anziano, e non mi auguro il carcere per nessuno”. E ha affermato che “qua sulle aule scrivono che la legge è uguale per tutti, ma non è così, perché sono otto anni che siamo qui”. Un riferimento alle lungaggini del processo Ruby ter, mai di fatto partito e rinviato per mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pisa, bimba morta in auto: per il consulente della procura il padre colpito da amnesia dissociativa

next
Articolo Successivo

Ruby ter, Maria Rosaria Rossi tratta con le parti civili. Fadil: “Non voglio che Berlusconi vada in galera. È anziano”

next