“Il governo attuale sta facendo delle ottime cose e credo sia gente in gamba, lui può anche candidarsi alle europee ma non credo sia opportuno per tutto quello che è successo. Secondo me dovrebbe pensare a fare il nonno”. Così la modella di origine marocchina Imane Fadil, parte civile nel processo Ruby Ter a margine dell’udienza in corte d’appello a Milano. In merito al processo la Fadil ha spiegato: “Io mi aspetto giustizia, non voglio che lui vada in prigione, è anziano, e non mi auguro il carcere per nessuno”. E ha affermato che “qua sulle aule scrivono che la legge è uguale per tutti, ma non è così, perché sono otto anni che siamo qui”. Un riferimento alle lungaggini del processo Ruby ter, mai di fatto partito e rinviato per mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Pisa, bimba morta in auto: per il consulente della procura il padre colpito da amnesia dissociativa

next
Articolo Successivo

Ruby ter, Maria Rosaria Rossi tratta con le parti civili. Fadil: “Non voglio che Berlusconi vada in galera. È anziano”

next