“Sono portavoce e capo ufficio stampa, dirigo una trentina di persone, sono reperibile giorno e notte, sette giorni su sette, lavoro 13-14 ore al giorno. Sempre. Ho responsabilità enormi, nelle mie mani c’è la comunicazione di Palazzo Chigi“. Rocco Casalino parla al Corriere della Sera all’indomani della pubblicazione dei compensi dello staff del presidente del Consiglio. Dati dai quali emerge che l’ex capo dell’ufficio comunicazione del Movimento 5 Stelle al Senato – oggi portavoce di Giuseppe Conte – guadagna 169mila euro. Più del premier. Uno stipendio che è in linea con quello che percepiva Filippo Sensi, suo predecessore, con Matteo Renzi a capo del governo. “Il Movimento è sempre stato per la meritocrazia – continua Casalino -, ciò che abbiamo sempre criticato sono gli eccessi e i privilegi ingiustificati e non il giusto riconoscimento, anche economico, delle competenze professionali. Guadagno poco più di 6 mila euro netti al mese, è uno stipendio alto, non lo nego, ma è quello che è previsto per chi svolge il mio ruolo”.

Casalino poi specifica: “Sono ingegnere elettronico e giornalista professionista, parlo 4 lingue. Ho diretto per 4 anni l’ufficio comunicazione M5S del Senato e sono stato il capo comunicazione di una campagna elettorale al termine della quale il Movimento ha preso quasi il 33%. Se parliamo di merito e lo confrontiamo con lo stipendio dei miei predecessori non ho nulla di cui vergognarmi, anzi”, dice ancora. “Se mi sento in imbarazzo perché guadagno più del premier? La scorrettezza – continua – sta nel paragonare la retribuzione di una carica politica con quella di un professionista. Oltretutto la mia è in linea con quelle dei miei predecessori. Faccio notare che sono centinaia i dirigenti della Pubblica amministrazione con uno stipendio più alto del premier, una anomalia dovuta al fatto che in anni passati la retribuzione del presidente del Consiglio era cumulabile con quella da parlamentare. È evidente che con me si sta giocando sporco”, conclude.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sgarbi difende la massoneria e se la prende con Sarti (M5s): “Imbecille diventata deputata grazie a un comico”

prev
Articolo Successivo

Pif vs Salvini: “Ma con bandiera italiana non diceva di pulirsi il c…? Si occupi di ‘ndrangheta, vera emergenza”

next