“Ci vuole subito una sinistra popolare, basta con le seghe mentali”. A rivendicarlo Pier Luigi Bersani, deputato di Liberi e Uguali, dal palco della Festa di Mdp-Articolo Uno, nel corso del dialogo Dove va questa Italia, con il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio. “M5s non è la soluzione, ma nemmeno il problema principale. Bisogna arginare la destra“, ha continuato Bersani. Per questo ha auspicato che in casa Pd si cambi strategia, dopo avergli rimproverato la mancata autocritica: “Sento ancora dire che il problema è stato di non aver vinto il referendum, del fuoco amico. Ragazzi, se ci fosse quel combinato disposto, oggi Salvini nominerebbe il governo, il presidente della Repubblica, i parlamentari. Solo che in quel periodo chissà cosa avevano sniffato“, ha provocato Bersani.
Ora, per l’ex segretario dem, sia il Pd che i partiti alla sua sinistra devono cambiare marcia. “Ma quando sento dire ai dem, ci siamo noi, mettiamo insieme da Macron a Tsipras, questo non significa nulla per il nostro popolo, non gli dice nulla”.  Ma anche LeU per l’ex segretario dem non basta: “Nei prossimi mesi si deve vedere che qualcosa può prendere questa strada, quella della sinistra popolare. La notizia non può essere ”si sono fatti il partitino”. Dobbiamo andare a riprendere il nostro popolo. Dobbiamo essere un innesco per un percorso più grande”, ha sottolineato Bersani.
Poi, rivolto a Salvini, Bersani ha attaccato: “Perché si vuole suscitare odio? Quando lo fai, sai dove cominci, ma non dove finisci”.  E ancora, sulle misure fiscali e sulla manovra: “Non si può mettere insieme Flat tax, condono e reddito di cittadinanza. Se vuoi sanare il tema sociale, non si può fare senza progressività fiscale e lotta all’evasione, altrimenti si raccontano un sacco di balle, che possono mettere fuori asse la tenuta del Paese”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanità, il governo sta per dare autonomia alle Regioni. Ma la salute non si può delegare

prev
Articolo Successivo

Travaglio: “Pd? Stupido aspettare cadavere, l’unico è quello di Renzi”. E attacca Macron: “Il più str… d’Europa”

next