Dovete fare una relazione o una tesina per la scuola e siete a corto di idee? Sui contenuti non possiamo aiutarvi, ma c’è un piccolo trucco che potrebbe tornarvi utile per confezionare una pagina piena di testo… anche se in realtà non avete scritto abbastanza per riempirla. Detto fuori dai denti vuol dire un pochino barare, ma in un mondo di spalline imbottite e biancheria push-up cosa volete che sia un testo un pochino “gonfiato”.

L’aiutino consiste nell’usare per la stesura un font (un tipo di carattere) un po’ imbroglione, che si chiama Times Newer Roman. Un occhio distratto può aver letto Times New Roman, e no, non ci è scappato un refuso. È esattamente il nome di un nuovo font realizzato dalla società di marketing MSCHF, che è quasi identico al Times New Roman, il font più usato al mondo e quello che probabilmente usate per scrivere – appunto – tesine e relazioni.

L’unica differenza, quasi impercettibile, è che i caratteri del Times Newer Roman sono fra il 5 e il 10% più grandi di quelli del quasi omonimo Times New Roman. Accorgersene è molto difficile e persino a un occhio allenato può sfuggire questa sfumatura minima, ma importante. Sì, perché chi si è messo a contare con precisione certosina ha calcolato che per riempire 15 pagine con interlinea singola e dimensione del carattere di 12 pt si possono scrivere 847 parole in meno. Questo articolo fino a qui è di 231 parole, fate voi le proporzioni.

Se l’idea vi alletta, potete scaricare questo font da questo link. Se siete delusi perché pensavate in un guadagno maggiore beh, vi abbiamo parlato di un aiutino, non di un miracolo!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Recensione Samsung Galaxy Note 9, lo smartphone che si trasforma in taccuino per sfidare iPhone Xs Max

prev
Articolo Successivo

‘Visiti siti porno? Ora paghi’. Perché il ricatto sessuale via mail ci fa tanto paura

next