“Io mi sono recato personalmente a Rebibbia. Ieri si è verificata una tragedia vera“. Così, a L’Aria che Tira (La7), il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, commenta la tragedia avvenuta nel carcere di Rebibbia, dove una detenuta per traffico di sostanze stupefacenti, Sebesta, ha lanciato i suoi due figli dalle scale. Il Guardasigilli ricorda di aver sospeso i vertici della Casa circondariale femminile e spiega: “Sul mondo della detenzione non si può sbagliare. Attualmente quel mondo vive in condizioni gravi. Ci sono tanti interventi da fare e io mi sono impegnato a prendere provvedimenti. Ogni mattina, quando vado al Ministero, penso non solo ai detenuti, che vivono in condizioni gravissime” – continua – “ma anche agli agenti di polizia penitenziaria, che prendono sulle spalle il fatto che i governi abbiano abbandonato per anni quel mondo. Dentro questa cornice, se vedo che c’è qualcosa che non doveva accadere, prendo provvedimenti immediati. E in questo caso, degli errori sono stati fatti“.

Sulle polemiche relative alla opportunità di far vivere in carcere la detenuta, Bonafede è tranchant: “Se c’è una cosa che proprio mi fa schifo è che, anche quando c’è una tragedia, tutti si improvvisano tuttologi e parlano e commentano la legge. Qui non c’è nessun commento da fare, c’è solo da stare zitti e aspettare che ci siano gli accertamenti dei fatti. Io come ministro ho già preso provvedimenti a tempo di record“. E spiega: “Se ci sono le condizioni, si fa fare la detenzione domiciliare. Nel caso di questa donna, se stava sola a casa coi figli, non è che i due bimbi stavano in sicurezza. In queste circostanze, la magistratura ritiene che i detenuti debbano stare in sezioni specializzate, che prevedano, ad esempio, veri e propri asili nido in cui bambini dovrebbero essere controllati 24 ore su 24”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crollo Torre Piloti, ministeri Trasporti e Difesa citati come responsabili civili nel processo per costruzione a fil di banchina

next
Articolo Successivo

Manovra, Borghi vs Boccia: “Non ci sono nanetti che trovano soldini in miniera”. “Quelli delle 3 carte ti fanno un baffo”

next