“Ed è giusto che gli spari se manca di freddezza?”. “Secondo me, sì. Chi sta dentro casa, se sente dei rumori e qualcuno che si muove dentro casa, non può fare indagini, può difendersi. Nell’incertezza si può difendere. Quello che dico è che chiunque entri in casa altrui per rubare o per uccidere ne accetta le conseguenze”. Giulia Bongiorno, riapre con queste parole la discussione sulla legittima difesa.

Intervistata ad Agorà, su Rai Tre, la ministra per la Pubblica Amministrazione, eletta al Senato con la Lega, rilancia una delle battaglie storiche del Carroccio che vede 5 disegni di legge incardinati a Palazzo Madama lo scorso luglio. “Quando parliamo di legittima difesa dobbiamo entrare in un’ottica – spiega Bongiorno – Lei si immagini uno che vive da solo e sente dei passi ha la freddezza per fare un’indagine notturna e capire se chi cammina lo fa per rubare un oggettino o per uccidere?”, ha spiegato la ministra. A quel punto la conduttrice l’ha interrotta domandando se fosse giusto o meno sparare e Bongiorno ha risposto senza esitazioni: “Secondo me, sì”.

Dopo le parole di Salvini a fine giugno (“è una priorità”), in mattinata, con un’intervista al Messaggero, nei giorni in cui venivano presentati i ddl era stato il capogruppo dela Lega al Senato, Massimiliano Romeo, a ricordare come quella sulla legittima difesa sia “una nostra battaglia da sempre” sulla quale “puntiamo a procedere in modo spedito” pur sottolineando che “ne parleremo principalmente con i nostri partner di governo” purché “sia chiara la direttrice su cui ci muoviamo”. “Mutuando la legislazione francese – aveva concluso – noi introduciamo la presunzione di legittima difesa. Significa che se uno entra in casa tua armato o comunque contro la tua volontà, qualunque reazione è considerata legittima“.

Pochi giorni fa, l’argomento aveva scatenato un botta e risposta tra il vicepremier e il presidente dell’Anm, Francesco Minisci. Quello del governo, aveva detto il numero 1 dell’Associazione magistrati, è un disegno di legge di cui “non avevamo bisogno e che può essere molto rischioso“. La legge “regolamenta già in maniera adeguata tutte le ipotesi di legittima difesa”, aveva precisato il magistrato. Mentre il ddl del Carroccio “rischierebbe addirittura di legittimare reati gravissimi, fino all’omicidio. Non si può prescindere – spiegava Minisci – dal principio della proporzionalità fra offesa e difesa e dalla valutazione, caso per caso, del giudice: se un soggetto minaccia di schiaffeggiarmi o di sottrarmi un bene, io non posso reagire sparandogli; se, da fuori casa, vedo un tizio che si arrampica sul mio balcone, non posso essere autorizzato a sparargli”. La risposta del capo del Viminale è arrivata dopo poche ore: “Il sindacato dei magistrati (Anm) oggi ha attaccato le proposte di legge della Lega sulla legittima difesa perché inutili e rischiose – scriveva il ministro dell’Interno su Twitter – Invasione di campo? Tutto normale? Io tiro dritto, la difesa è sempre legittima”.