Di self-publishing si parla e si scrive tanto, ma la domanda da porsi è: conviene agli autori scegliere la strada dell’autopubblicazione? Un quesito a cui è difficile rispondere, soprattutto in un mercato “piccolo” come quello italiano. Negli Stati Uniti si raggiungono cifre di tutto rispetto: ad esempio, Rachel Abbott – nome di fantasia della scrittrice Sheila Rodger – nel quinquennio 2010-2015 è entrata nei 20 scrittori più letti su Amazon con 2 milioni di copie vendute. Eppure, molti critici non la considerano un’autrice importante perché è “solo” una self-publisher.

È bene precisare che oltreoceano i numeri sono da capogiro: secondo Forbes in un anno, dal 2015 al 2016, James Patterson, tra e-book, cartaceo e audiolibri, ha guadagnato 95 milioni di dollari e, sempre lui, è stato il primo nel 2010 a vendere più di un milione di e-book. Ovviamente la regina è Amazon che, secondo gli analisti, detiene oltre il 70% del mercato online. I dati sono il frutto di analisi incrociate perché è noto che Jeff Bezos non rilascia numeri, salvo festeggiare i mille miliardi di dollari di capitalizzazione della società.

Ma torniamo alla domanda iniziale. Ros Barber, che è una grande sostenitrice del  , ha scritto sul Guardian che per guadagnare con l’autopubblicazione un autore dovrebbe dedicare il 10% del tempo a scrivere e il 90% a fare marketing. E in Italia come vanno i self? Ovviamente, anche nel nostro Paese la parte del gigante la fa Amazon con la sua piattaforma Kdp (Kindle direct publishing) che batte senza alcun dubbio concorrenti quali Youcanprint o StreetLib di Antonio Tombolini che recentemente ha lanciato la blockchain. Ma di questo parleremo in un altro post.

Per capire cosa sta accadendo ai self, l’unico sistema valido è parlare con loro. Il primo dato che emerge è che parecchi scelgono l’autopubblicazione dopo aver bussato inutilmente a molte porte. Ma non è sempre così. Vi sono tanti self che decidono di passare all’autopubblicazione dopo aver pubblicato con diversi editori, a volte anche famosi. Al contrario, altri hanno provato con successo il self-publishing e poi hanno ceduto alle lusinghe di un editore blasonato. E ora sono pentiti e vorrebbero tornare alla libertà, ma spesso hanno le mani legate da un contratto che non lascia vie d’uscita.

Una cosa è certa: chi è riuscito a tornare libero, giura che non si farà mai più “abbindolare” da un editore, anche se fosse il più importante d’Italia. Qual è il motivo di tanta insoddisfazione? Principalmente due: i guadagni e la promozione. Le royalty pagate dagli editori non sono paragonabili a quelle dell’autopubblicazione, o meglio, a quelle di Amazon che riconosce fino al 70% all’autore. Qualche anno fa, quando il mercato digitale era in grande crescita, alcuni autori riuscivano a guadagnare anche più di 500 euro al mese, con picchi di 2-3mila euro. Per ottenere questi risultati era necessario stare in vetta alla classifica per almeno tre mesi e fare molta promozione. E questo vale anche per le case editrici che spesso riservano le loro attenzioni solo agli autori più redditizi, dimenticando quelli meno famosi.

Oggi, nonostante gli e-book si siano ritagliati uno spazio ben definito, i self vendono meno e per ottenere buoni risultati occorre dedicare molto tempo al marketing, creare gruppi sui social, darsi da fare per ottenere recensioni su blog, giornali e su Amazon. E proprio le recensioni sono indicate come una nota dolente. Parecchi self sostengono che vi sono recensioni a pagamento. Ovvero blogger, influencer e lettori furbetti riescono a superare i controlli della società di Jeff Bezos e pubblicare recensioni “pilotate” per far salire o scendere un libro. E questo non avviene solo con i self ma anche con i romanzi delle varie case editrici. Non è prima volta che gli autori denunciano questo mercato nero delle recensioni.

Dopo tanti ragionamenti è ancora difficile rispondere alla domanda iniziale. Personalmente sono molto favorevole al self-publishing ma, a mio avviso, l’autore deve essere in grado di fare un salto di qualità per emergere tra i tanti che ormai scelgono l’autopubblicazione.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Quattro mezze cartelle / 22: Tango Teheran

next