Black Tape Project, un’etichetta di Miami che mescola arte e moda, debutta al Fashion Week di New York, facendo sfilare le modelle con costumi realizzati con pezzi di nastro incollati al corpo. L’approccio adottato dal designer per reinterpretare in chiave moderna i costumi da bagno non è passata inosservata, dando il via ad una nuova forma espressiva a metà strada tra “tape art” e moda alternativa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tra il pubblico spunta la bandiera pro Trump: sul palco l’attore del musical “Frozen” reagisce così

next
Articolo Successivo

La rapina più maldestra della storia? Eccola. Quest’uomo riesce a infilare un errore dietro l’altro

next