“Abbiamo perso il contatto con il popolo, con la parte più debole della società“. La militante interpellata per prima alla festa nazionale del Pd a Ravenna spiega così la disfatta elettorale, dalla quale il partito non sembra essersi ancora ripreso. Come lei la pensano molti altri. “Non sarà facile il rilancio, dobbiamo tornare in mezzo alla gente con nuove idee e nuovi dirigenti“. Tra iscritti ed elettori prevale il disorientamento. C’è chi confida nell’avvento di Zingaretti e chi crede ancora in Renzi. “Ma no – obiettano altri – non è questione di leader ma di linea politica”. Pochi si fanno illusioni in vista delle prossime scadenze elettorali. Più d’uno è perfino incerto se continuare a votare Pd. Ma non manca chi si dice convinto che lo spazio politico per ripartire ci sia, “purché si azzeri tutto, compreso il nome e il simbolo“. E voi che ne dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi: “Pensano di essersi liberati di me, ma hanno sbagliato. Andrò in scuole e tv”

prev
Articolo Successivo

Conte e il gioco della torre: “Renzi si è già buttato da solo. Boschi o Carfagna? La prima perché la conosco”

next