Non solo toghe rosse. Domenica sera alla festa delle Lega ad Alzano Lombardo c’era anche la pm Letizia Ruggeri ad ascoltare Matteo Salvini. Lo racconta il Corriere della Sera ricostruendo come la titolare dell’inchiesta che ha portato alla condanna di Massimo Bossetti all’ergastolo (in primo e secondo grado) per l’omicidio di Yara Gambirasio fosse tra gli spettatori della Berghem fest.

All’inizio della serata, la pm di Bergamo ha raggiunto il retro del palco, per seguire l’intervista di Mario Giordano al leader del Carroccio. Un intervento durante il quale Salvini ha nuovamente attaccato Luigi Patronaggio, il pm di Agrigento che lo ha iscritto negli indagati per il caso della Diciotti. “Un giudice impegnerebbe meglio i soldi degli italiani indagando un mafioso che non Salvini”, ha detto il ministro dell’Interno.

Alla fine Ruggeri ha atteso che Salvini parlasse con i giornalisti e finisse di scattare i selfie con i suoi sostenitori per parlare col ministro. Quindi ha accettato l’invito degli organizzatori ed è rimasta a cenare alla festa con Salvini e lo stesso Giordano. “Ma è stato più un incontro privato. Anche noi magistrati abbiamo le nostre idee”. E a chi le ha ricordato la storica polemica sulle toghe rosse ha risposto: “Sì, ma non siamo tutti di sinistra“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Catania, arrestato l’investitore che ha travolto i vicini di casa a Palagonia

next
Articolo Successivo

Como, scarcerati i tre giovani accusati di aver stuprato due minorenni: “Non ci sono gravi indizi né pericolo di fuga”

next