All’IFA 2018 Segway ha portato diversi nuovi prodotti, compresi i pattini robotizzati Drift W1, annunciati pochi giorni prima della kermesse berlinese. Un modo di reinventare la ruota ma soprattutto un nuovo modo di interpretare la mobilità personale – specialità di Segway ormai da molti anni.

Segway Drift W1

I Drift W1 sono apparentemente semplici: una ruota e una piattaforma dove posare il piede. Ognuno di essi però contiene un complesso sistema elettronico che garantisce il bilanciamento automatico, nonché un motore che potenzialmente può spingere il “passeggero” fino a 12 Km/h. Funzionano a batteria e l’autonomia dovrebbe durare – stando almeno alle dichiarazioni ufficiali – circa 45 minuti.

Con i Drift quindi si potrebbe andare e venire dal lavoro – ma attenzione a usarli per strada perché le leggi italiane non sono chiare a riguardo e c’è il rischio di prendersi una multa. Meno problematica, invece, l’idea di portarseli al parco o su una pista di pattinaggio e usarli per divertirsi. Tra l’altro i video promozionali lasciano intendere che è possibile anche fare qualche acrobazia, una volta che si è presa confidenza con i Drift W1.

La certificazione IP57 inoltre assicura una certa resistenza ad acqua e polvere, rendendo questi pattini robotizzati piuttosto resistenti. Ufficialmente reggono fino a 100 Kg. Una volta che si finisce di usarli è facile trasportarli tramite il laccio integrato, ma il peso (3,5 Kg cada uno) non è proprio contenuto. Segway li metterà in vendita nelle prossime settimane a 399 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

LG G7 Fit: lo smartphone che combina design, prestazioni e prezzo concorrenziale

prev
Articolo Successivo

Questo computer fa anche il caffé? Finalmente la risposta è sì. Si chiama Zotac Mek

next