La doppietta Ferrari nelle qualifiche aveva creato un’attesa quasi spasmodica. Le due Rosse che scattano davanti a tutte, a Monza, nel Gran Premio di casa, come non succedeva da 18 anni. Tutto vanificato in gara, prima da Sebastian Vettel che esagera per difendere la posizione e si tocca con Lewis Hamilton al via, poi dal muretto del Cavallino che richiama il leader della corsa Kimi Raikkonen a una sosta affrettata e incomprensibile. Alla fine vince l’inglese, vince ancora la Mercedes che ha messo in pista una strategia e un gioco di squadra più efficaci. E l’ultimo trionfo di un ferrarista in Italia rimane quello di Fernando Alonso nel 2010.

La gara è stata segnata fin dalla partenza. Il finlandese scatta bene dalla prima casella e tiene la testa, mentre un Vettel subito nervoso si fa passare all’esterno dal rivale Hamilton: i due si toccano e il tedesco ha la peggio. Poteva essere più cauto, avendo il suo compagno davanti. Il quattro volte campione del mondo deve ripartire da ultimo: la sua alla fine sarà una grande rimonta, terminata in quarta posizione. Ma i punti persi da Hamilton fanno male in classifica: ora l’inglese guida il Mondiale con 30 lunghezze di vantaggio.

Per l’altra Ferrari sembra andare tutto bene: Raikkonen riesce a tenere dietro le Mercedes, ma il muretto lo richiama ai box appena dopo 22 giri. La scuderia tedesca replica tenendo in pista qualche giro in più Hamilton e poi lasciando davanti Valtteri Bottas per fare da tappo al suo connazionale. Così quando il leader del mondiale monta le gomme nuove, Raikkonen ha già logorato le sue nel tentativo di superare la seconda Mercedes. Alla fine la tattica riesce: lo pneumatico posteriore sinistro della Ferrari è distrutto e Hamilton riesce agevolmente a compiere il sorpasso che gli regala la vittoria. Grazie a un Verstappen di nuovo eccessivamente aggressivo e penalizzato, Bottas completa poi la festa Mercedes conquistando il terzo gradino del podio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Formula 1, Gp Monza: prima fila tutta Ferrari dopo 18 anni. Pole position a sorpresa di Raikkonen davanti a Vettel

prev
Articolo Successivo

Il gesto tecnico di Douglas Costa che lascia a bocca aperta. Stop di tacco e tiro al volo: vedere per credere

next