Di chi è una panchina? E un albero? E un palo della luce? Dove può fare la cacca il cane? Come bisogna parcheggiare l’auto? Cosa bisogna fare con una busta di rifiuti?

Provare vergogna per i barbari che insozzano, distruggono, disprezzano il bene comune è un sentimento legittimo ma non sufficiente. Bisogna che ci siano meno barbari e barbare in giro, magari con le mecche appena fatte, la camicia a fiori, in giacca e cravatta, distinti e puliti all’apparenza, ma incivili nel buio della loro coscienza sporca.

L’inciviltà è un effetto collaterale dell’ignoranza.

Far capire a un bambino che una panchina è di tutti, che se si sporca poi bisogna pulire, che il bene comune è appunto un bene acquistato in comune, con i solidi di ciascuno di noi, aiuterà a farlo crescere in modo meno barbarico, e aiuterà noi tutti a vergognarci di meno di quel che siamo o stiamo divenendo.

I sindaci italiani stanno promuovendo una legge per introdurre fin dalle elementari un’ora di lezione civica, di “educazione alla cittadinanza”.

È un ottimo contributo che si darebbe alla conoscenza, quindi alla civiltà.

Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Anci, l’associazione nazionale dei comuni, è impegnato da tempo sul fronte dell’impegno alla videosorveglianza degli incivili. Non solo con la telecamera ma con esposizioni video mirate e piuttosto convincenti, come potete qui vedere, per spiegare che i barbari – di ogni età, razza e condizione sociale – non possono vincere. Questa legge è un piccolo ma grande atto di resistenza civile. Nel municipio del vostro comune potete persino firmarla.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’immigrazione percepita e quella reale. Perché l’informazione fa rima con manipolazione?

next
Articolo Successivo

Giorgetti evoca la chiusura della ditta? Appare una mossa di ingegneria finanziaria

next