Dopo aver accusato il motore di ricerca di Google di diffondere sul proprio conto solo “fake news“, il presidente Donald Trump critica per gli stessi motivi anche Twitter a Facebook: “Abbiamo letteralmente migliaia e migliaia di lamentele: Google, Twitter e Facebook stanno rischiando e devono stare attenti, non possono fare questo alla gente”. Dopo gli attacchi verso i media, Trump ora se la prende con i giganti del web: il motore di ricerca Google, secondo il presidente americano, sarebbe truccato e privilegerebbe articoli denigratori nei confronti della Casa Bianca. Per questo in tweet di martedì lo aveva definito “molto pericoloso“.

Trump nello specifico ha affermato che il 96% dei risultati su “Trump news” proviene da media di sinistra. Mountain View aveva replicato con un comunicato spiegando che il proprio motore “non classifica mai i risultati della ricerca per manipolare l’opinione pubblica”. Tesi che non convince il presidente americano: durante una conferenza nello Studio Ovale Trump ha aggiunto: “Credo che Google si sia approfittato di molte persone e penso che questa sia una cosa molto grave“.

Ed è sempre il tycoon via Twitter a scrivere che le email di Hillary Clinton avrebbero subito degli attacchi hacker dalla Cina. Per questo il presidente Usa chiede all’Fbi e al dipartimento di Giustizia di indagare sulla vicenda, poiché altrimenti “la loro credibilità verrà persa per sempre”.

La notizia è stata rivelata martedì dalla Daily Caller News Foundation, service giornalistico vicino al Partito Repubblicano. Secondo loro fonti, ad aver attaccato il server di posta di Clinton sarebbe stata una società cinese controllata dal governo di Pechino ai tempi in cui Hillary era segretario di Stato Usa. Gli hacker sarebbero riusciti ad accedervi grazie a un codice che provvedeva a ritrasmettere in tempo reale una copia di tutti i messaggi. Da parte dell’entourage di Clinton tuttavia si ricorda come l’Fbi nonostante “migliaia di ore di indagini” non abbia trovato prove di una “intrusione” nei server della abitazione privata a New York.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il ministro Tria e gli affari con la Cina di Xi Jinping

prev
Articolo Successivo

Usa, richiedente asilo chiede 40 milioni per la morte della figlia di 19 mesi, ammalata in un centro al confine

next