Ieri “l’amico ViktorOrban ha precisato che sia lui che Matteo Salvini, che l’ha invitato a Milano per un vertice in prefettura, sono entrambi “contro Macron” e intenzionati, come scrive Le Monde, a dare vita a “un asse contro l’immigrazione”. E il leader di En Marche, in visita in Danimarca, dà loro ragione. Fanno bene il premier ungherese e il vicepremier italiano, ha detto, a vederlo come il loro “principale avversario” in Europa sul tema migranti. “Non cederò niente ai nazionalisti – ha rincarato rispondendo ai giornalisti al seguito – e a quelli che predicano odio. Se hanno voluto vedere nella mia persona il loro principale avversario, hanno ragione”. E all’indomani dell’incontro a Milano, Salvini continua ad attaccare il presidente francese. “Il principale avversario di Macron, sondaggi alla mano, è il popolo francese. Anziché dare lezioni agli altri governi spalanchi le proprie frontiere, a partire da quella di Ventimiglia. E la smetta di destabilizzare la Libia per interessi economici”.

Sul tema migranti Macron, in visita in Danimarca e in Finlandia per saldare alleanze con l’obiettivo di costituire un “arco progressista” in Europa per far fronte ai governi nazionalisti e populisti, annuncia che “nei prossimi giorni e nei prossimi mesi dovremo prendere decisioni in profondità per affrontare il tema delle migrazioni, e ciò presuppone serietà e spirito di responsabilità, restando fedeli ai nostri valori, come il diritto d’asilo, con una vera politica nei confronti dei Paesi d’origine e all’interno. Non è quello che propongono Orban e Salvini“. “Si sta strutturando un’opposizione forte fra nazionalisti e progressisti“. E ha concluso: “Se dicono che in Francia c’è il nemico del nazionalismo, della politica dell’odio, dell’Europa che deve pagare quello che ci conviene senza imporre alcuna forma di responsabilità e di solidarietà, hanno ragione”.

Gli attacchi al presidente francese aprono anche l’edizione di oggi di Le Monde che titola: ‘Orban e Salvini: un’unione contro Macron‘, annunciando che “i due dirigenti vogliono dar vita a un asse contro l’immigrazione” e che “l’ungherese e l’italiano hanno violentemente attaccato il presidente francese”. A pagina tre, articolo dal titolo ‘Orban e Salvini prendono Macron come bersaglio‘, seguito da ‘Il gioco di specchi fra la Lega il Rassemblement National (ex Front National)’: “Marine Le Pen – si legge – spera di beneficiare di un ‘effetto Salvini’ nella campagna per lo scrutinio europeo del maggio 2019″.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Diciotti, Commissione Ue: “Per andare in Albania ci vuole il consenso dei migranti”

next
Articolo Successivo

Salvini, Orban e il Ppe: il falso populismo che serve a salvare l’establishment

next