Il ponte è crollato, ma gli studenti genovesi non rischiano di perdere parte dell’anno scolastico. Non solo, perché Giovanna Boda, a capo Direzione generale per lo studente, l’integrazione e la partecipazione del ministero dell’Istruzione, ha dichiarato che il Miur si impegnerà affinché “nessuno dei ragazzi sfollati perderà un solo giorno di scuola”. Di là dell’urgenza casa, dei dibattiti sulla nazionalizzazione o meno delle autostrade, in queste ore ci sono 100 bambini che frequentavano le scuole dell’infanzia, della primaria e della secondaria di primo grado, nei quartieri di Sampierdarena e Cornigliano a cavallo del letto del torrente Polcevera, che attendono di sapere dove abiteranno e che scuola potranno frequentare.

Molti degli sfollati non hanno più messo piede in casa e tra le mura delle stanze sono rimasti anche i quaderni, gli astucci, i libri. Tutto ciò che serve per iniziare un nuovo anno scolastico. Non solo. Allo stato attuale sono state assegnate solo a poche decine di persone delle case e non sempre sono vicine alle scuole dov’erano iscritti i ragazzi sfollati. E chi ancora non ha un’abitazione, non ha alcuna certezza nemmeno per i suoi figli. A queste domande sta provando a rispondere il Miur con una task force che ha messo sul tavolo 2,8 milioni di euro per risolvere ogni problema a chi si trova senza casa ma anche a chi la perderà se dovesse essere demolito il ponte Morandi.

La prima garanzia che arriva da viale Trastevere è che chi vorrà continuare ad andare nella scuola che frequentava lo potrà fare anche se ora abita dall’altra parte della città: sarà organizzato un trasporto dedicato a questi alunni. “Un bambino – racconta Giovanna Boda – a cui è stata assegnata la casa a Quarto che dista parecchi chilometri dalla sua scuola ci ha scritto una lettera perché vuole ricominciare l’anno con la sua maestra e i suoi compagni. Lo accontenteremo”.

La continuità didattica è una priorità sia per il Miur che per gli assessori all’istruzione della Regione e del Comune che stanno lavorando a stretto contatto con Roma e con i dirigenti scolastici per risolvere ogni questione. Il Miur ha messo a disposizione delle famiglie sfollate anche un numero di telefono 0108331317 e una mail genova@ripartiamodallascuola.it. I fondi impiegati serviranno anche per comprare l’arredo scolastico e i libri a chi li ha lasciati nelle case dove non ha più potuto rimettere piede. Saranno i dirigenti a fare da garante con il Ministero per le spese che saranno effettuate dalle famiglie al fine di far tornare i ragazzi sui banchi con tutto quanto necessario. Non solo. Gli studenti universitari non pagheranno le tasse e alle scuole dell’infanzia che avranno bisogno di sezioni in più verrà assicurato l’organico. Il piano elaborato a Roma in stretta collaborazione con la Regione, il Comune e i presidi prevede anche l’apertura extrascolastica di alcune scuole frequentate dai bambini sfollati che ancora non hanno casa e un supporto psicologico agli insegnanti che al rientro dovranno spiegare ai bambini quanto è accaduto e perché uno di loro è morto in questa tragedia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Droga, Salvini lancia “Scuole sicure”: soldi a 15 Comuni per contrastare lo spaccio negli istituti. Presidi e genitori divisi

next
Articolo Successivo

Menù vegano nelle mense, giusto multare le scuole che non lo prevedono

next