Giocare con un computer è una cosa possono fare tutti, ma un gamer appassionato, un hardcore gamer, ha cura non solo di avere un PC potente ma anche una postazione da gioco che dica immediatamente a chi guarda: questo è il posto di una persona innamorata del gaming.

Le aziende del settore lo sanno e ognuna ha creato prodotti destinati a queste persone, ma la Acer Predator Thronos fa probabilmente categoria a sé: si tratta infatti di un vero “trono” per giocare, comprensivo di sedile professionale e un sistema di motori a vibrazione per rendere più reali le sensazioni di gioco. Qualcuno ti spara o ti colpisce con una spada? Tutto il sedile vibra per fartelo notare.

Il Thronos è predisposto per agganciare fino a tre schermi LCD da 27 pollici, che probabilmente sono il minimo sindacale per chi vuole il massimo in tema videoludico. Ed è previsto anche l’alloggio per il PC stesso, con un sistema per far passare i cavi in modo pulito e ordinato.

Il Predator Thronos è sicuramente una proposta fuori dagli schemi, per non dire sopra le righe, un colosso da oltre 200 kg con struttura in acciaio che pochi potranno sistemare in casa, e ancora meno si potranno permettere. È però anche il simbolo di una cultura, quella dei gamer appunto, sempre più preponderante e sempre più rilevante; il mondo dei videogiochi, infatti, muove fatturati comparabili a quello dell’automobile.

Ok ma quanto costa? Ancora non si sa, ma probabilmente questo e altri dettagli saranno comunicati nei prossimi giorni alla fiera IFA 2018 di Berlino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ricordate lo sfigato che lasciò la modella per chiudersi in casa con i videogame?’

next
Articolo Successivo

Acer Swift 5, il computer portatile da 15 pollici più leggero al mondo pesa meno di 1 kg

next