“Nel 1968 facevo il sindacalista nelle industrie tessili”. Lo racconta Fausto Bertinotti ripercorrendo, a margine del Meeting di Rimini che ha ospitato una mostra dedicata proprio al biennio ’68-’69 in Italia. Anni in cui studenti e operai lottarono “contro la gerarchia”. Categorie “molto diverse da quelle attuali”, dice l’ex leader di Rifondazione Comunista che boccia l’attuale sinistra italiana. “È incredibile che non ci sia una mappa di tutte le forme di partecipazione (da basso, ndr) esistenti in Italia. Una forza politica che volesse costituirsi, dovrebbe partire proprio dal censimento delle realtà di movimento, e mettersi a loro disposizione”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini indagato, Berlusconi: “Gli sono vicino”. Renzi: “Di Maio ha doppia morale”. Le Pen: “Giudici contro popolo”

next
Articolo Successivo

Diciotti, mi è arrivata una lettera dal Paradiso. Presidente Mattarella, può firmarla?

next