Fausto Bertinotti, ex leader di Rifondazione Comunista ed ex sindacalista ospite del Meeting Cl di Rimini, boccia nel complesso il primo provvedimento del governo giallo-verde dedicato al lavoro: “Nel decreto dignità c’è il tentativo, anche in conseguenza alla lunga denuncia operata soprattutto da parte del Movimento 5 Stelle, delle politiche del lavoro dei governi precedenti di uscire da questo tunnel. Ma l’uscita da questo tunnel si rivela poca cosa. Siamo agli aggiustamenti, agli elementi di maquillage“. Ma secondo Bertinotti la filosofia del lavoro è la stessa nel silenzio dell’opposizione, che giudica inesistente

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diciotti, Pd: “Conte riferisca in Aula. Sulla nave donne vittime di violenza e 120 migranti in sciopero della fame”

next
Articolo Successivo

Genova, il sindaco Bucci: “Finora con governo notevole collaborazione, ma ora servono tante infrastrutture”

next