“Quel ponte collegava Genova con la Francia e la Liguria di Ponente. E sotto passava la ferrovia diretta al porto. I danni economici per la città saranno ingentissimi. C’è il rischio che rimanga isolata”. Così Ferruccio Sansa, inviato de Il Fatto Quotidiano, a Genova dopo il crollo del viadotto Morandi nel quartiere Sampierdarena.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Genova, crollo di ponte Morandi. Rosso: “Le cause del crollo non sono idrauliche, il pilone non sembra essere stato eroso”

prev
Articolo Successivo

Genova, crollo ponte Morandi: nel 2006 Calatrava si offrì di rifarlo. Ma si decise di non demolirlo per non bloccare il traffico

next