Un poliziotto di Baltimora è stato sospeso dal servizio dopo che il dipartimento ha acquisito un video amatoriale che mostra l’agente picchiare un cittadino senza un apparente motivo. “Tolleranza zero per ciò che ho visto nelle immagini” ha dichiarato il commissario, Gary Tuggle.
Tra l’agente e l’uomo aggredito, Dashawn McGrier, c’era già stato un precedente a giugno, quando il poliziotto lo aveva arrestato ancora, questa volta secondo l’avvocato di McGrier, senza una valida giustificazione. Quando sabato 11 agosto, nel corso di un’operazione di contrasto alla criminalità transfrontaliera, McGrier si è rifiutato di prestare il proprio aiuto agli agenti, è scattata l’aggressione. L’uomo è stato portato in ospedale per gli accertamenti e stando alle parole del suo avvocato, è stato sottoposto a una serie di radiografie per sospette fratture alla mascella, al naso e alle costole.
A Baltimora, nel 2015, c’erano stati violenti scontri tra forze dell’ordine e cittadini dopo la morte di Freddie Gray, l’afroamericano morto in ospedale dopo un fermo di polizia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Midterm Usa, le elezioni si avvicinano e nessuno è al sicuro. Nemmeno Trump

prev
Articolo Successivo

Costa Rica, musicista messicana 25enne violentata e uccisa in spiaggia. “Voleva girare il mondo da sola, era prima tappa”

next