Un barchino con 11 persone a bordo, 9 uomini e 2 bambini apparentemente intorno ai 13-14 anni, tutti di nazionalità presumibilmente tunisina, è diretto a Lampedusa. Uno “sbarco fantasma” che potrebbe avvenire in nottata.

Lungo la sua rotta, in zona Search and Rescue maltese, la piccola imbarcazione a motore è stata avvistata dall’Aquarius, la nave operata da SOS Mediterranée in collaborazione con Medici senza Frontiere che ha già a bordo 141 persone salvate in due diverse operazioni il 10 agosto scorso. Gli occupanti dell’imbarcazione, avvicinati dalle lance dell’Aquarius, hanno rifiutato di essere soccorsi e hanno proseguito il loro viaggio verso l’Italia.

“Questa mattina, mentre facevamo rotta verso nord, siamo stati informati dal JRCC di Tripoli (il centro di coordinamento libico per le operazioni di ricerca e soccorso, ndr) di un’imbarcazione in difficoltà che si recava a nord”, spiega a ilfattoquotidiano.it Aloys Vimard, coordinatore di MSF a bordo dell’Aquarius. “Abbiamo quindi alterato la nostra corsa e li abbiamo trovati nel pomeriggio”.

La nave non si trova ora più in zona SAR libica ma ha raggiunto quella maltese, sempre in acque internazionali, e proprio qui ha avvistato il barchino segnalato da Tripoli. “Abbiamo informato Malta che ci trovavamo nella loro area Search and Rescue e abbiamo chiesto se avessero maggiori informazioni sull’imbarcazione”, dice Vimard. “Ci hanno detto di non interferire, che per loro si tratta di un caso di law enforcement (forze dell’ordine) e non SAR e di essere informati in caso di avvistamento del barchino. Ed è quello che abbiamo fatto”.

Aquarius avvista l’imbarcazione partita dalla Tunisia nel pomeriggio: “Le nostre lance si sono avvicinate per verificare la situazione e per stabilizzarla”, dice il coordinatore di Medici senza Frontiere. “Abbiamo distribuito i salvagenti”. Le persone a bordo erano nervose. “Stavano andando a Lampedusa e non volevano essere salvati. Abbiamo dato loro cibo e acqua e il team medico ha constatato che non c’erano casi clinici”, anche se i minori sembravano provati dalla lunga esposizione al sole: hanno infatti dichiarato di essere in mare da due giorni.

(Foto di Angela Gennaro)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Sant’Anna di Stazzema, sindaco contro il ministro Fontana. “Abolire legge Mancino? Venga a dirlo ai sopravvissuti”

next
Articolo Successivo

Belgio, fumettista italiano e marito presi a sprangate: “Colpiti perché siamo gay”

next