“Non vogliamo spegnere i riflettori e l’attenzione su questa fabbrica, non condivido assolutamente l’atteggiamento della proprietà. Stiamo lavorando notte e giorno a un piano di industrializzazione, per trovare investitori e per continuare l’occupazione dei lavoratori. Anche il presidio e le azioni che state facendo servono a muovere l’attenzione di Bekaert, lo Stato è con voi”. Lo ha detto il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio ai lavoratori della Bekaert di Figline Valdarno (Firenze), in presidio davanti al loro stabilimento. “Sono venuto qui perché comprendo che basta qualche settimana di silenzio per sentirsi abbandonati ma questo rischio non voglio correrlo. Tenete duro, noi ce la metteremo tutta e anche a livello istituzionale c’è la massima coesione”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caporalato a Verona: 6 arresti, anche un medico legale. L’indagine dopo l’incidente stradale in cui morì un lavoratore

prev
Articolo Successivo

Italiani come noi – Rider: nuovo lavoro tra sfruttamento e opportunità. “Disposti a pagare di più per garantire diritti?”

next