Undici persone sono state fermate, tra cui un’infermiera dell’ospedale Civico di Palermo e un perito assicurativo nell’ambito di un’operazione della Polizia coordinata dalla Procura di Palermo. Sono state scoperte due organizzazioni criminali che truffavano le assicurazioni. Reclutavano vittime, a cui fratturavano arti simulando incidenti stradali, tra soggetti ai margini della società, come tossicodipendenti, gente in gravi condizioni economiche, persone con deficit mentali o affetti da dipendenza da alcol, attratti dalle promesse di facili guadagni, poi mai corrisposti. Alle vittime venivano somministrate dosi di anestetico procurate da un’infermiera in servizio presso l’ospedale. A capo di una delle due gang sarebbe il perito assicurativo di Palermo, Michele Caltabellotta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Colpita da ictus dopo trattamento ai capelli dal parrucchiere: donna chiede risarcimento di un milione di sterline

next