Undici persone sono state fermate, tra cui un’infermiera dell’ospedale Civico di Palermo e un perito assicurativo nell’ambito di un’operazione della Polizia coordinata dalla Procura di Palermo. Sono state scoperte due organizzazioni criminali che truffavano le assicurazioni. Reclutavano vittime, a cui fratturavano arti simulando incidenti stradali, tra soggetti ai margini della società, come tossicodipendenti, gente in gravi condizioni economiche, persone con deficit mentali o affetti da dipendenza da alcol, attratti dalle promesse di facili guadagni, poi mai corrisposti. Alle vittime venivano somministrate dosi di anestetico procurate da un’infermiera in servizio presso l’ospedale. A capo di una delle due gang sarebbe il perito assicurativo di Palermo, Michele Caltabellotta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Durex, ritirati 3 lotti di preservativi: “Scadenza non sicura. E la sicurezza dei nostri consumatori è sempre priorità”

prev
Articolo Successivo

Colpita da ictus dopo trattamento ai capelli dal parrucchiere: donna chiede risarcimento di un milione di sterline

next