Vaccini? Noi non vogliamo puntare sull’obbligo, ma sulla raccomandazione e sulla informazione. Quindi, vaccinate i vostri bambini, perché i vaccini sono importanti, ma non vogliamo essere quel governo che ti impone di fare le cose”. Sono le parole del ministro per per i Rapporti con il Parlamento e la Democrazia Diretta, Riccardo Fraccaro, ospite di Omnibus (La7). Il politico si esprime sul discusso post pubblicato su Facebook dal consigliere M5s della Regione Lazio, Davide Barillari, secondo cui “la politica viene prima della scienza”. Fraccaro prende le distanze: “Quello che non deve fare la politica è mettersi in contrapposizione con la scienza. Ma politica e scienza, scelte politiche e analisi scientifiche non sono assolutamente incompatibili: la politica dovrà indicare la strada per raggiungere l’obiettivo indicato, soprattutto in questi termini, dalla scienza. Non è che la soglia di rischio la decide il governo. Forse Barillari” – continua – “voleva dire che per un politico ci debba essere la possibilità di esprimere un’opinione diversa sul metodo per raggiungere quell’obiettivo. Ma non si deve certamente mettersi in contrapposizione coi dati scientifici. Il politico non potrà mai sostituirsi allo scienziato e viceversa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dl dignità, Paita (Pd) vs Giordano: “Precarietà non si combatte bloccando Tav e Tap”. “Non c’entra niente”

prev
Articolo Successivo

Camera, Dall’Osso (M5s) alle opposizioni: “Andatevene affan…”. E Baldelli (FI) perde la testa e urla contro Fico

next