L’effervescenza del mercato dell’usato si conferma anche in estate. In particolare, il mese scorso, i passaggi di proprietà di auto sono aumentati dell’8,6% (al netto delle minivolture, ovvero i trasferimenti temporanei ai concessionari in attesa che vendano ai clienti), per un totale di 270.635.

Anche per quel che riguarda le due ruote l’andamento degli affari è positivo, con le immatricolazioni che aumentano dell’1% raggiungendo quota 61.524.

In sostanza, guardando ai dati del Pubblico Registro Automobilistico evidenziato nell’ultimo bollettino mensile Auto-Trend dell’ACI, ogni 100 vetture nuove a luglio ne sono state vendute 150 usate. 144 se si prendono in considerazione i primi sette mesi dell’anno, in cui l’aumento di compravendite di auto usate è stato mediamente del 5,7% (i motocicli invece calano del 2,2%).

Trend in aumento anche per quanto riguarda le radiazioni (+9,8% a luglio, + 6,7% da inizio anno) delle auto e dei motocicli (8,4% a luglio, 10,6% nei primi sette mesi del 2018), con un tasso unitario di sostituzione dello 0,71 nel mese scorso. Il che significa 71 radiazioni ogni 100 auto iscritte, in linea coi numeri di gennaio-luglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jeep prova bloccare il “clone” Mahindra pronto a invadere il mercato Usa

prev
Articolo Successivo

Condannato a 114 anni di reclusione il monaco buddista che ama le Mercedes

next