Venne arrestato, condannato, ha collaborato con i magistrati e scontato la sua pena. Poi si è rifatto una vita, lavorando onestamente. A volerla leggere attraverso la funzione primaria della sanzione penale, cioè punire per gli sbagli commessi e riabilitare a una vita corretta nella società, quella di Iredia Osakue, papà di Daisy, la campionessa di atletica leggera oggetto del lancio di uova da parte di tre ragazzi a Moncalieri, è una di quelle storie da manuale.

In Italia da 24 anni, Iredia Osakue non è sempre stato un mediatore culturale come oggi. Lo hanno raccontato, a frammenti e secondo i suoi legali anche con diversi errori, alcuni quotidiani e siti negli scorsi giorni. Il papà dell’atleta azzurra ha anche avuto un passato turbolento. Delinqueva all’interno di un clan nigeriano, dedito allo spaccio di droga e alle rapine. Lo hanno beccato. Era il 2005 e per lui si sono aperte le porte del carcere. Resta dentro per 8 mesi, in attesa del processo. Sceglie il rito abbreviato e nel 2007 i giudici lo ritengono colpevole: associazione a delinquere, cessione di stupefacenti e tentata rapina. Si becca 5 anni e 4 mesi.

Un anno più tardi, siamo nel 2008, Iredia Osakue torna in un’aula di tribunale per l’appello. La condanna viene ridotta a 3 anni, 9 mesi e 10 giorni perché l’uomo collabora con i magistrati. Per i pm di Torino, spiegano fonti della procura, aveva reso dichiarazioni importanti per capire la struttura dell’organizzazione, i reati commessi e il modus operandi. La condanna diventa definitiva, l’uomo paga i suoi sbagli.

Poi inizia un’altra vita fuori dal carcere. Onesta. Che lo porta ad aprire un centro pratiche per immigrati e a svolgere il ruolo di mediatore culturale in una cooperativa che gestisce l’accoglienza in diverse strutture del Piemonte. I titoli dei giornali, gli articoli, la delinquenza sono un vecchio ricordo ormai alle spalle. Fino a questi giorni, quando l’aggressione ai danni di sua figlia Daisy riporta sotto i riflettori il suo passato. Che riemerge, anche con tratti gonfiati. C’è chi parla del coinvolgimento in un tentato omicidio e in un’indagine per sfruttamento della prostituzione. Ma i suoi legali escludono condanne per il primo reato e dicono che a loro non risulta che a Iride Osakue sia mai stato contestato il secondo. Sicuramente non ha mai più avuto a che fare con la giustizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migrante 19enne picchiato a Partinico, spunta il video dell’aggressione: due gli arresti, proseguono le indagini

next
Articolo Successivo

Roma, resti di un aereo della seconda guerra mondiale ritrovati sulla riva del Tevere: indagini in corso [FOTO]

next