Kalifa Dieng, senegalese di 19 anni, era in bici nella piazza di Santa Caterina, a Partinico, e attendeva un operatore di una comunità che stava attendendo un ragazzo non ancora rientrato nella struttura, quando è stato insultato da alcune persone sedute al tavolino di un bar: “Vattene via, sporco negro”. Poi l’aggressione di gruppo: in 5-6 lo hanno colpito a calci e pugni al viso, ferendolo.
Nel video, diffuso dai carabinieri, si vede il momento del pestaggio al richiedente asilo insultato e picchiato giovedì 26 luglio. Al momento, agli arresti con l’accusa di lesioni aggravate dall’odio razziale, ci sono Lorenzo Rigano, operaio di 37 anni, e Francesco Bono, di 34. Le indagini proseguono per identificare i complici che avrebbero tenuto fermo il ragazzo durante lo scontro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, il Corridoio Vasariano doveva essere già aperto, ma riaprirà (forse) nel 2020. Mibac: “Progetto entro l’autunno”

prev
Articolo Successivo

Daisy Osakue, la storia del padre Iredia: dalla condanna all’aiuto ai magistrati, fino alla vita come mediatore culturale

next