“A Campione abbiamo solo il casinò. Viviamo lì con le nostre famiglie, non possiamo cambiare tutto”. È il sentimento diffuso dei circa cento dipendenti del casinò di Campione d’Italia che stamattina, martedì 31 luglio, si sono radunati in presidio davanti al Pirellone per protestare contro la chiusura della casa da gioco, la cui società di gestione è stata dichiarata fallita la scorsa settimana.  “Siamo qui per manifestare il forte disagio di Campione dopo il fallimento e la chiusura del casinò, che porta a 500 licenziamenti, oltre a un danno per tutta comunità”, hanno detto lavoratori e sindacalisti. “Non abbiamo nemmeno ricevuto la lettera di licenziamento, quindi non possiamo cercare un altro lavoro”.
“Come istituzione regionale oggi stesso solleciteremo il ministero dell’Interno e il ministero delle Finanze perché prendano i necessari provvedimenti, consapevoli che più si allungano i tempi, più l’utenza inevitabilmente si indirizzerà stabilmente su altre strutture da gioco a danno di Campione”. A dirlo, dopo l’incontro a Palazzo Pirelli con una delegazione dei lavoratori, è stato il presidente del Consiglio regionale, Alessandro Fermi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

We are us, the Italians, the migrants to speak of

prev
Articolo Successivo

Daisy Osakue, procura di Torino: “Lesioni senza l’aggravante razziale”. L’altro caso: “Io, aggredita nella stessa zona”

next