E’ stato uno degli attacchi più sanguinosi mai avvenuti in Siria, quello rivendicato dall’Isis a Sweida e in alcuni villaggi nei dintorni, nel sud del Paese. Il bilancio, secondo i media governativi, è di 216 morti e 150 feriti. I soldati dell’ex Stato islamico si sono fatti esplodere, in modo coordinato, in mezzo alla folla radunata in diversi mercati: le forze di sicurezza governative e di autodifesa siriane hanno affrontato i terroristi, ingaggiando sparatorie in mezzo ai civili.

L’agenzia ufficiale Sana riporta che almeno due kamikaze sono stati uccisi dai militari prima che si facessero esplodere, nel tentativo di limitare il numero di vittime civili. Secondo l’organizzazione non governativa di opposizione Ondus (Osservatorio siriano per i diritti umani), con base a Londra, negli attacchi ai villaggi, i terroristi avrebbero anche preso degli ostaggi tra gli abitanti, di cui ancora non si conoscono le sorti. Il governatore di Sweida, Amer al-Eshi, ha confermato alla tv Ikhbariyah che la situazione è sotto controllo. Per le vittime della strage è in previsto un funerale di massa – ha spiegato Sana – per dare un segnale di unità.

L’Isis ha lasciato un segno della propria presenza anche in Pakistan, in occasione delle elezioni politiche: un kamikaze si è fatto saltare in aria vicino a un seggio a Quetta, nella provincia del Belucistan, provocando 31 morti e 70 feriti. Elezioni queste già segnate durante la campagna elettorale: il 13 luglio, dei terroristi hanno provocato la morte di 154 persone presenti a un comizio elettorale a Mastung, in quello che viene rappresentato come il secondo più grave attentato subito dal Pakistan in oltre 70 anni di storia. Per queste legislative gli elettori sono stati chiamati a scegliare tra 30 partiti e oltre 12mila candidati. Lo scontro reale è, tuttavia, tra la Lega musulmana dell’ex premier Nawaz Sharif (Pml-N) – attualmente in carcere per corruzione –  il partito guidato dall’ex campione di cricket Imram Khan (Pti) e il Partito popolare pachistano (Ppp).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, forzata la barriera di Ceuta: battaglia con polizia, 154 feriti. “In 600 sono riusciti a entrare in Spagna”

prev
Articolo Successivo

Cina, attentato all’ambasciata Usa. Le autorità minimizzano: “Caso isolato”

next