È stato espulso il deputato-velista del M5s Andrea Mura, al centro delle polemiche per le sue numerose assenze alla Camera. Lo ho annunciato su Facebook il coordinatore sardo del Movimento, Mario Puddu:”Chi non segue le regole va a casa – scrive – Era stato candidato per fare il parlamentare della Repubblica italiana col Movimento 5 Stelle, quindi a patto di seguire delle regole precise: taglio stipendio e impegno costante in Parlamento”. Il capogruppo alla Camera, Francesco D’Uva, ha ufficializzato l’espulsione scrivendo sul blog delle Stelle che “non è tollerabile l’atteggiamento” di Mura “che con il 96,8 per cento di assenze in Parlamento ha dimostrato irresponsabilità e menefreghismo, mancando di rispetto agli italiani” e “a tutti i suoi colleghi che non hanno mai smesso di lavorare in Parlamento”. Mura naturalmente rimarrà deputato a meno che non rassegni le dimissioni che comunque devono essere votate dall’Aula di Montecitorio. Nel frattempo andrà quasi certamente nel gruppo misto dove già ci sono altri ex M5s: Andrea Cecconi e Silvia Benedetti (coinvolti nel caso dei mancati rimborsi al fondo Pmi), Salvatore Caiata (non disse di essere indagato), Antonio Tasso (non dichiarò una vecchia condanna) e Catello Vitiello (non dichiarò di essere iscritto alla massoneria).

Secondo i dati di OpenPolis, Mura ha il 96 per cento di assenze alla data del 19 luglio, risultando il quarto meno presente in Aula subito dopo Michela Vittoria Brambilla e altri due deputati del Movimento che però hanno gravi problemi di salute. Più precisamente ha partecipato a 8 votazioni su 220 totali. Tra le 8 votazioni a cui ha partecipato c’è anche il voto di fiducia al governo Conte. “Un portavoce del M5s è chiamato a svolgere la propria attività sia sul territorio, tra la gente, che tra i banchi del Parlamento, dove da anni portiamo avanti tutte le nostre battaglie a favore dei cittadini”, prosegue D’Uva. “Non è accettabile – continua – che pensi di poter svolgere la propria attività politica da una barca o da casa sua, snobbando l’aula di Montecitorio”.

A caldeggiare un suo allontamento era stato anche il vice-premier Luigi Di Maio: “Fare i parlamentari – aveva detto il capo politico del M5s – è un privilegio. È giusto stare chiusi a lavorare”. La polemica era scoppiata dopo le accuse dell’ex governatore sardo Ugo Cappellacci, alle quali Mura aveva risposto con un’intervista a La Nuova Sardegna. “L’attività politica non si svolge solo in Parlamento, si può svolgere anche su una barca – aveva detto lo skipper – Io l’ho detto fin dall’inizio, anche in campagna elettorale, che il mio ruolo, più che quello di parlamentare, sarebbe stato quello di testimonial a difesa degli oceani”. Il deputato, dopo aver raccontato nei dettagli una sua giornata-tipo, aveva spiegato di andare alla Camera “una volta alla settimana, per la commissione Trasporti”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl Dignità, Di Maio: “Non voglio fare ‘Jobs Act 2 La vendetta’. Fiducia non servirà”. Ma sui voucher è scontro con i sindacati

next
Articolo Successivo

Saviano indagato per diffamazione dopo la querela di Salvini. “Atto dovuto”

next