Narcotizzò e uccise la sua ex compagna e l’allora fidanzato. Così ha deciso il tribunale di Venezia condannando all’ergastolo Stefano Perale, il docente di 50 anni, accusato di invitato a cena nel giugno 2017 nel suo appartamento di Chirignago (Venezia), Anastasia Shakurova, 30 anni, e il fidanzato Biagio Buonomo Junior, 31enne, per poi ammazzarli. Perale è stato riconosciuto colpevole di duplice omicidio aggravato dalla premeditazione, per vilipendio di cadavere, per violenza sessuale aggravata e procurato aborto.

Il pm Giorgio Gava aveva replicato all’arringa dei difensori di Perale che avevano chiesto l’assoluzione dell’imputato per incapacità di intendere e volere. Il giudice ha accolto la tesi dell’accusa, secondo le quali Perale, reo confesso, avrebbe architettato il duplice delitto, mosso dalla rabbia nei confronti del rapporto che Shakurova aveva instaurato con il compagno di origini campane. Il tribunale ha disposto il massimo della pena, al netto dello ‘sconto’ del rito abbreviato, che in questo caso cancella l’obbligo di isolamento diurno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Decreto intercettazioni, Cerno: “Il Pd lo difende, io no: nessun bavaglio alle indagini. I giornali? Le regole ci sono già”

prev
Articolo Successivo

Stilista impiccata a Milano, per i periti “Carlotta Benusiglio non è stata strangolata. È stato un suicidio”

next