Narcotizzò e uccise la sua ex compagna e l’allora fidanzato. Così ha deciso il tribunale di Venezia condannando all’ergastolo Stefano Perale, il docente di 50 anni, accusato di invitato a cena nel giugno 2017 nel suo appartamento di Chirignago (Venezia), Anastasia Shakurova, 30 anni, e il fidanzato Biagio Buonomo Junior, 31enne, per poi ammazzarli. Perale è stato riconosciuto colpevole di duplice omicidio aggravato dalla premeditazione, per vilipendio di cadavere, per violenza sessuale aggravata e procurato aborto.

Il pm Giorgio Gava aveva replicato all’arringa dei difensori di Perale che avevano chiesto l’assoluzione dell’imputato per incapacità di intendere e volere. Il giudice ha accolto la tesi dell’accusa, secondo le quali Perale, reo confesso, avrebbe architettato il duplice delitto, mosso dalla rabbia nei confronti del rapporto che Shakurova aveva instaurato con il compagno di origini campane. Il tribunale ha disposto il massimo della pena, al netto dello ‘sconto’ del rito abbreviato, che in questo caso cancella l’obbligo di isolamento diurno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto intercettazioni, Cerno: “Il Pd lo difende, io no: nessun bavaglio alle indagini. I giornali? Le regole ci sono già”

next
Articolo Successivo

Stilista impiccata a Milano, per i periti “Carlotta Benusiglio non è stata strangolata. È stato un suicidio”

next