Sergio Marchione, il manager totale, quello che ha saputo plasmare l’automobilistica internazionale alla sua idea di industria, è morto la mattina del 25 luglio dopo giorni di fiato sospeso. Oltre 14 anni di storia, iniziata a Lingotto nel maggio del 2003, quando l’italo-canadese entra da indipendente nel cda di un casa auto sull’orlo della bancarotta. Qui iniziano le sue sfide. Marchionne tira dritto e si guadagna la copertina di “Time”, che lo chiama lo Steve Jobs dell’auto, e il plauso del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, che lo trasforma in icona della ripresa dell’auto a stelle e strisce. E, ultimamente, si sente dare anche del “preferito” dal nuovo inquilino della Casa Bianca, Donald Trump, per i suoi investimenti in Usa. Nella sua vita non sono mancate le proposte politiche. In Italia ha respinto l’invito di Silvio Berlusconi a candidarsi con il centrodestra e ha avuto una lunga luna di miele con l’ex premier Matteo Renzi dal quale ha poi preso le distanze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Marchionne, gli operai fuori da Mirafiori: “Dispiaciuti per la morte, ma aspettiamo ancora gli investimenti promessi”

next
Articolo Successivo

Piazza San Carlo, il Viminale: “Ai sindaci decisione su manifestazioni e sicurezza”. Anci: “Chiarire le responsabilità e i costi”

next