Nel giorno della morte di Sergio Marchionne, davanti alla porta due della carrozzeria di Mirafiori, il sentimento prevalente tra gli operai è il dispiacere umano per la morte dell’amministratore delegato del gruppo Fca, ma c’è anche chi sottolinea alcune delle criticità del suo operato: “Stiamo aspettando gli investimenti che erano stati promessi e che non ancora stati fatti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calenzano, arrestato prete di 70 anni: sorpreso da un passante in auto con bimba. “Non era la prima volta”

next
Articolo Successivo

Sergio Marchionne morto, da Obama a Trump: la fotostoria del manager col maglioncino che ha segnato un’epoca

next