Crocifissi obbligatori nelle scuole, nelle università, nelle aule di giustizia, negli aeroporti, nelle stazioni. E anche nei porti. A rilanciare il tema in una proposta di legge è stata la Lega di Matteo Salvini. Pena prevista dai 500 ai 1000 euro per chi sgarra. E l’obbligo di esporre la croce cristiana “in luogo elevato e ben visibile”.

La proposta di legge è stata presentata il 26 marzo alla Camera, a pochi giorni dall’insediamento del nuovo parlamento, e vede come prima firmataria Barbara Saltamartini, seguita da Massimiliano Fedriga, Giuseppina Castiello, Paolo Grimoldi e Guido Guidesi. Le “Disposizioni concernenti l’esposizione del Crocifisso nelle scuole e negli uffici delle pubbliche amministrazioni” prevedono dopo l’entrata in vigore che “chiunque rimuove in odio ad esso l’emblema della Croce o del Crocifisso dal pubblico ufficio nel quale sia esposto o lo vilipende”, sia “punito con l’ammenda da 500 a 1.000 euro“, come si legge all’art. 4.

Nelle quattro pagine a firma leghista si propone l’esposizione del crocifisso “nelle aule delle scuole di ogni ordine e grado e delle università e accademie del sistema pubblico integrato d’istruzione, negli uffici delle pubbliche amministrazioni“, “negli uffici degli enti locali territoriali, nelle aule nelle quali sono convocati i consigli regionali, provinciali, comunali, circoscrizionali e delle comunità montane, nei seggi elettorali, negli stabilimenti di detenzione e pena, negli uffici giudiziari e nei reparti delle aziende sanitarie e ospedaliere, nelle stazioni e nelle autostazioni, nei porti e negli aeroporti, nelle sedi diplomatiche e consolari italiane e negli uffici pubblici italiani all’estero”.

Più che una battaglia, una vera ossessione. La proposta, che porta il numero 387 ed è disponibile sul sito di Montecitorio, ricalca quella presentata sempre dalla dal Carroccio già nella scorsa legislatura. “Cancellare i simboli della nostra identità, collante indiscusso di una comunità – si legge nella motivazione che accompagna il testo della proposta di legge – significa svuotare di significato i princìpi su cui si fonda la nostra società”. E ancora: “Rispettare le minoranze non vuole dire rinunciare, delegittimare o cambiare i simboli e i valori che sono parte integrante della nostra storia, della cultura e delle tradizioni del nostro Paese”. In Emilia Romagna un consigliere di Fratelli d’Italia proponeva il crocifisso negli edifici della Regione o multa da 1200 euro”. Mentre a Padova nel 2014 il sindaco leghista suggeriva “un bel crocifisso obbligatorio regalato dal Comune”.

La proposta non è passata inosservata sui social network. Anche “nei porti chiusi” chiede sibillino un utente. “A quando i roghi delle streghe?”, ironizza un altro cinguettio. Qualcuno, più cattivo:”Un modo esemplare per rappresentare il calvario dell’istruzione pubblica“. E proprio una docente spiega: “La laicità è un principio supremo dello Stato e la Scuola pubblica deve esserne il presidio fondamentale”. Non poteva mancare il profilo (fake, ovviamente…) di @Dio: “Salvini vuole rimettere il crocifisso nelle scuole, uffici, università, carceri, consolati e porti: il 24 di luglio. Ma ‘sti milanesi imbruttiti non vanno mai in ferie? Giovanotto, la produzione al momento è ferma. Se a settembre hai ancora problemi di arredamento, richiamami”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti, Conte: “Bozza Ue? Italia non ha mai fatto questione di soldi, solidarietà europea non ha un prezzo”

next
Articolo Successivo

Intercettazioni, Bonafede: “Tolto il bavaglio alla stampa. Norma scritta per impedire a cittadini di ascoltare politici indagati”

next