Una multa da 1.200 euro per chi non espone il crocifisso all’ingresso di ogni edificio di proprietà della Regione e degli enti dipendenti. E’ questa la prima proposta avanzata dal neonconsigliere di Fratelli d’Italia Tommaso Foti, che ha presentato un progetto di legge al consiglio regionale che si è insediato lunedì 29 dicembre.

“Il Crocifisso – ha scritto Foti nella legge – è simbolo della civiltà e della cultura cristiana (nella sua radice storica, ed ha quindi valore universale, indipendente da una specifica credenza religiosa) ed è simbolo che esprime l’elevato fondamento dei valori civili, segnatamente di quelli che sono alla radice dell’ordinamento statuale italiano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Capodanno: il più lungo del mondo? E’ a Rimini. Tutti gli eventi in Emilia Romagna

next
Articolo Successivo

2014, l’anno con il Fatto Emilia Romagna: alluvione, caduta di Errani e boom Lega

next