Ubriaco, fatto irruzione in un centro di accoglienza e si è scagliato prima contro un migrante e poi un’operatrice, colpendoli con calci e pugni e provocando loro un trauma cranico e addominale. È successo nella notte ad Atena Lucana, piccolo centro del salernitano. L’aggressore è un operaio di 33 anni e si trova ora in arresto: resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, ingiurie, minacce e lesioni, danneggiamento e guida in stato di ebbrezza alcolica sono i reati che gli vengono contestati con l’aggravante dell’odio razziale.

Non solo, i carabinieri della compagnia di Sala Consilina, guidati dal capitano Davide Acquaviva, hanno riscontrato che l’uomo ha pubblicato sul proprio profilo social diversi post inneggianti al nazismo e al fascismo. Pur essendo al momento dell’aggressione in evidente stato di ebbrezza, l’uomo, ritengono i militari, avrebbe potuto premeditare l’azione durante la quale ha leggermente ferito anche un carabiniere intervenuto sul posto e danneggiato una gazzella.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Teramo, l’Asl costretta a pagare migliaia di euro per permettere a un paziente di curarsi col Metodo Di Bella

next
Articolo Successivo

Reggio Emilia, ventenne spinta dietro un cespuglio e violentata: è caccia all’uomo

next