Ubriaco, fatto irruzione in un centro di accoglienza e si è scagliato prima contro un migrante e poi un’operatrice, colpendoli con calci e pugni e provocando loro un trauma cranico e addominale. È successo nella notte ad Atena Lucana, piccolo centro del salernitano. L’aggressore è un operaio di 33 anni e si trova ora in arresto: resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, ingiurie, minacce e lesioni, danneggiamento e guida in stato di ebbrezza alcolica sono i reati che gli vengono contestati con l’aggravante dell’odio razziale.

Non solo, i carabinieri della compagnia di Sala Consilina, guidati dal capitano Davide Acquaviva, hanno riscontrato che l’uomo ha pubblicato sul proprio profilo social diversi post inneggianti al nazismo e al fascismo. Pur essendo al momento dell’aggressione in evidente stato di ebbrezza, l’uomo, ritengono i militari, avrebbe potuto premeditare l’azione durante la quale ha leggermente ferito anche un carabiniere intervenuto sul posto e danneggiato una gazzella.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Teramo, l’Asl costretta a pagare migliaia di euro per permettere a un paziente di curarsi col Metodo Di Bella

prev
Articolo Successivo

Reggio Emilia, ventenne spinta dietro un cespuglio e violentata: è caccia all’uomo

next