Battibecco serrato a L’Aria che Tira Estate (La7) tra il deputato Pd, Gennaro Migliore, e l’europarlamentare della Lega, Angelo Ciocca. Quest’ultimo commenta con toni critici l’intervento del parlamentare dem: “Mi dispiace vedere il collega del Pd che soffre della sindrome di Calimero. Cercate almeno di fare il vostro lavoro di opposizione”. Migliore insorge: “Ma veramente i neri siete voi, io sono felicemente arcobaleno. Calimero sarà lei. A lei piace il nero probabilmente, visti i suoi gusti sul piano politico”. “Non mi sono permesso di darle del Calimero” – risponde Ciocca – “Ho parlato di sindrome di Calimero. La gente vede questo: quando siete stati al governo, purtroppo sulle politiche del lavoro grande capacità non l’avete dimostrata”. Il deputato Pd inciampa in un lapsus, parlando di “un milione di disoccupati” in più. Ciocca continua: “Adesso fortunatamente abbiamo un provvedimento importante per il Paese e per i lavoratori. Vogliamo assieme premiare i lavoratori e punire gli imprenditori? Mi riferisco ad esempio alla restituzione degli incentivi per quelle aziende che prendono soldi dei cittadini e poi delocalizzano. Credo che sia buona cosa chiedere a quelle aziende di restituire quando la forza lavoro viene ridotta. Vorrei vedere i colleghi romani su questo provvedimento lavorare assieme a noi per costruire qualcosa di utile e di buono. E invece” – aggiunge – “vedo che la partenza è contro il ministro Di Maio, dandogli addirittura titoli come ‘ministro della disoccupazione’. Forse i motivi della disoccupazione vanno ricercati nella vostra politica e nell’approvazione della legge Fornero“. “Noi abbiamo aumentato l’occupazione” – replica Migliore – “Che c’entra la legge Fornero? Noi, anzi, l’abbiamo modificata con nove interventi nel corso della precedente legislatura, spendendo 20 miliardi di euro”. “Avete fatto nove modifiche senza risolvere i problemi della gente”, ribatte Ciocca.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decreto dignità, Migliore: “Emendamento Pd? Il ministro della disoccupazione Di Maio è un bufalaro”

prev
Articolo Successivo

Tg La7, la sigla non finisce più. Poi arriva Mentana: “Scusate, colpa mia. Ma ci sono cose più importanti del nostro ritardo”

next