Boato nel cuore di Parigi per la vittoria della Francia contro la Croazia nei Mondiali di Calcio di Russia 2018. Dopo il trionfo alla Coppa del Mondo, una marea umana sta convergendo verso gli Champs-Elysées, tra Place de la Concorde e l’Arco di Trionfo, intonando cori di ogni tipo tra fumogeni e bandiere bleu-blanc-rouge. “On est champions, on est champions”, grida la folla parigina, in una splendida giornata di sole, all’indomani della Festa nazionale del 14 luglio che celebra la Presa della Bastiglia del 1789.

La Marsigliese, l’inno nazionale della Francia, risuona ad ogni angolo di strada, tra Notre-Dame e la Torre Eiffel, mescolandosi al grido dei clacson tra caroselli di auto e motorini. I Bleus verranno ricevuti domani all’Eliseo dal presidente Emmanuel Macron, prima dei sfilare in corteo a bordo di un bus ‘imperiale’ sui Campi-Elisi. Dopo la prima Coppa del Mondo del 1998, esattamente vent’anni fa, i Bleus possono mettere una seconda stella sulla loro maglia nazionale.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali 2018, invasione di campo durante la finale di Mosca. Partita sospesa all’inizio del secondo tempo

next
Articolo Successivo

Russia 2018, l’ultima Matrioska: “Quelli che…”

next