“Sa che cosa ho fatto? Sulla bacheca all’ingresso della ex caserma Serena ho affisso da una parte un articolo di un giornale locale con il titolo Serena, crocevia dello spaccio, e dall’altra parte quello di un altro quotidiano che dà conto delle nostre attività educative e del fatto che più della metà degli extracomunitari presenti hanno un contratto di lavoro”. Tre giorni dopo il blitz della Questura di Venezia, coordinato dalla Procura della Repubblica, parla il responsabile della società che gestisce il centro di accoglienza di Dosson di Casier, alle porte di Treviso, attualmente con meno di 400 ospiti, il luogo dove operava uno dei personaggi di spicco coinvolti nell’organizzazione nigeriana. Per la verità la banda operava sulla piazza di Mestre, che è distante una trentina di chilometri, dove nell’ultimo anno e mezzo si sono verificati almeno una quindicina di decessi a causa di droga troppo pura.

Gianlorenzo Marinese è l’amministratore delegato di “Nova Facility”, la società che ha vinto l’appalto per la gestione completa della struttura, dall’accoglienza ai pasti, dai corsi di lingua al lavoro. “Su una quarantina di misure cautelari solo una ha riguardato una persona che ha risieduto alla Serena, ma solo fino al giorno di Natale dell’anno scorso. Una mela marcia si trova dappertutto, ma da qui a dire che a Dosson c’è una delle strutture portanti dell’organizzazione ce ne corre. Inoltre, noi non possiamo perquisire nessuno, né sostituirci alle forze dell’ordine. Però c’è sempre stata massima attenzione da parte nostra”. Un esempio? “Pochi mesi fa, quando abbiamo trovato 900 grammi di marijuana, abbiamo subito denunciato quanto stava accadendo”.

L’uomo che stava nell’ex caserma trevigiana è il trentatreenne Emmanuel Obaraye, detto Emma, che a dicembre era sceso in Campania, dove a Napoli si era rifornito di eroina. Sulla strada del ritorno, a Mestre, lo avevano arrestato. Eseguiva gli ordini di Kenneth Ken Ighodaro, 35 anni, il capo, che è riuscito a sfuggire alla cattura e probabilmente si trova da tempo in Francia, perché aveva mangiato la foglia dopo l’arresto di qualche corriere o piccolo spacciatore.

La spettacolare operazione eseguita con l’impiego di cinquecento poliziotti (e un elicottero a volo radente) ha costituito un colpo formidabile a un’organizzazione che con l’eroina gialla teneva sotto controllo tutta la zona della stazione ferroviaria di Mestre. Le ordinanze di custodia cautelare sono state 41, in carcere sono finite 28 persone, tre locali sono stati chiusi perché pericolosi per la sicurezza pubblica. Nel quartiere di via Piave le strade sono state bloccate e le case passate al setaccio. Le richieste erano state formulate dal pubblico ministero Paola Tonini e accolte dal giudice per le indagini preliminari Marta Paccagnella. Tra le prove raccolte, la registrazione di trecento cessioni di droga.

E’ stata debellata un’organizzazione molto potente e ramificata, i cui affiliati sono arrivati in Italia mischiandosi ai migranti o a chi stava fuggendo dalla guerra. La banda acquistava la droga in Francia e Olanda. A portarla in Italia erano gli “ovulatori”, specializzati a ingerire la merce per sfuggire ai controlli. La droga, prima di essere smerciata a Mestre, veniva messa al sicuro in tre abitazioni a Robegano, Favaro Veneto e Dolo, tutte in provincia di Venezia, oltre che nel centro di accoglienza di Dosson di Casier. Quelle tre case rientrano nella rete delle cooperative che hanno ottenuto l’accoglienza diffusa dei richiedenti asilo, ai quali è comunque contestata la responsabilità individuale. A Dosson, secondo alcune intercettazioni, Obaraye Emma avrebbe ricevuto almeno tre partite di stupefacenti mentre era ospite nella ex caserma (2 e 3 novembre, 17 dicembre 2017). Nell’ordinanza di custodia cautelare è citata un’intercettazione telefonica in cui dava indicazioni al corriere: “Vai vicino alla fermata, davanti al centro accoglienza: lascia tutto nella vasca dei fiori… Mettila dietro il muro, poi trovo il modo di nasconderla dentro…”.

L’organizzazione aveva tre livelli. Al vertice della piramide il capo, Ken Ighodaro. Al secondo livelli due nigeriani (tra cui Emma) che ricevevano la droga e la cedevano agli spacciatori, la base della piramide era costituita dai venditori. Il clan affonda le sue origini in una setta esoterica, una specie di confraternita nigeriana denominata “The supreme Eiye Confraternity”, la confraternita dell’Aquila.

Annota il gip: “Opera sul territorio di Mestre un’associazione per delinquere formata da indagati tutti di etnia nigeriana che, dopo aver scacciato i precedenti spacciatori di etnia magrebina si è appropriata di un territorio realizzando un mercato che garantiva un flusso costante quotidiano, diurno e notturno, ininterrotto di cocaina ed eroina ad elevatissimo principio attivo, offerta agli assuntori a un prezzo basso, a fronte di dosi aventi quantitativi doppi o anche tripli rispetto a quelli normalmente presenti sul mercato. Il risultato furono i morti per overdose”.