La strage nella metropolitana di Tokyo avvenuta nel ’95 viene ricordata dai giapponesi come il peggiore attacco nella storia del proprio Paese. Venerdì, a vent’anni di distanza sono stati giustiziati i sette responsabili tramite impiccagione, tra questi Shoko Asahara, leader della setta Aum Shinrikyo e mente dell’attentato. Il gruppo mise delle piccole sacche contenenti gas sarin nei vagoni della metropolitana di Tokyo e il gesto provocò la morte immediata di 13 persone mentre altre migliaia rimasero ferite. Nei mesi a seguire i seguaci di Asahara tentarono altri attacchi che fallirono.

Il leader della setta Aum Shinrikyo si proclamava Cristo e Budda allo stesso tempo. Nato nel 1955 da una famiglia povera aveva frequentato una scuola gratuita per bambini ciechi; alla fine degli anni ‘80 aveva creato un proprio credo che includeva un misto di principi buddisti e induisti e alle sue parole avevano aderito decine di migliaia di seguaci anche fuori dal Giappone.

In breve tempo il culto divenne delirante, per il leader il mondo stava andando verso l’autodistruzione e solo quelli che avevano acquisito in precedenza delle capacità soprannaturali potevano sperare di sopravvivere. La setta divenne clandestina dopo l’attacco del 1995, ma a oggi non è scomparsa e ha preso il nome Aleph o Hikari no Wa e ha ancora seguaci sia in Giappone che in tutto il mondo, in particolare in alcuni paesi dell’ex Unione Sovietica.

Il capo di Gabinetto Yoshihide Suga ha assicurato che il governo è pronto a impedire ogni tipo di rappresaglia dei seguaci del gruppo mentre i parenti delle vittime hanno accolto con favore le esecuzioni. La condanna a morte per impiccagione per Asahara era stata decisa dal tribunale nel 2004 e successivamente confermata dalla Corte Suprema giapponese alla quale si era appellato. In Giappone le condanne a morte non vengono eseguite fino a quando il verdetto contro tutti gli imputati e i complici sono definitivi senza ricorsi pendenti contro i componenti del gruppo.

 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Thailandia, soccorritore muore per mancanza di ossigeno. Un tubo per far respirare i 12 ragazzini intrappolati

next
Articolo Successivo

Alexandria Ocasio-Cortez, cosa insegna alla sinistra la vittoria della giovane dem americana

next