Il danno e la beffa, ma non solo. Così in sintesi potremmo commentare la notizia data entusiasticamente dai giornali della nomina di Ivrea a Patrimonio dell’Unesco. Un bel premio dirà qualcuno, un riconoscimento che però va contro lo spirito più profondo e contro la storia di coloro che si voglio premiare. Perché il sito industriale di Ivrea non voleva diventare un’opera d’arte, né un bel monumento, tantomeno un raro castello, o un borgo folkloristico. E il fatto che oggi solo questo gli venga riconosciuto, è la sconfitta più dura da digerire.

Ivrea era la sede di una fabbrica eccezionale, di un’impresa che fino alla morte improvvisa del suo ideatore, era la prima al mondo nel suo settore, per qualità e originalità dei prodotti, per profitti, investimenti, innovazione tecnologica. Un brulicare di nuove idee, un’azienda che aveva insegnato a tutti un nuovo modello di gestione del personale e di impatto sul territorio, avanzato per l’oggi, incomprensibile ieri. L’Olivetti era soprattutto una cosa viva. E trattare la creatura di Adriano Olivetti – ora che l’Olivetti è morta e stramorta – come se fosse una bella opera d’arte del passato, dargli un premio proprio per il fatto di non essere più ciò che solo voleva essere, è un’insolenza clamorosa. Una vera e proprio provocazione, evidentemente frutto di quella stessa mentalità – in molti casi dalle stesse persone – che hanno fatto morire colui che giustamente è stato definito lo Steve Jobs italiano… Se non fosse che sarebbe molto più esatto chiamare il papà del Mac e dell’Iphone come l’Olivetti americano, per dare a Cesare ciò che è di Cesare.

Insomma fa una certa rabbia vedere che tutto ciò che ci resta della maggiore realtà industriale italiana è un monumento inanimato, vuoto, da conservare in formalina come se fosse uno scheletro di un animale estinto. E di questa morte, di questa indegna fine, ne desideriamo e ne prendiamo trionfanti oggi la patente (poco pirandelliana).

Basti dire che Adriano Olivetti per gran parte della sua vita fu osteggiato dall’ambiente industriale italiano. Olivetti, tanto per dire, non faceva nemmeno parte di Confindustria, era considerato una scheggia impazzita nel sistema. Quando poi decise di lanciarsi alla guida di un movimento politico che cercasse di diffondere a livello nazionale quegli stessi valori che avevano fatto grande Olivetti a Ivrea, si scatenò la guerra e gli insulti. Basterebbe andare a leggersi cosa si pensava allora in Fiat (Valletta) o in Confindustria (Costa) di Olivetti, delle sue idee della sua fissazione a retribuire e a trattare i suoi operai come i veri protagonisti del successo. Tutto l’odio contro quello che fu addirittura definito come «l’industriale rosso». Basterebbe andare a rivedere cosa accadde alla Olivetti, morto Adriano, con una sequela di scelte scellerate e contraddittorie, volute da Cuccia e poi perseguite dalla famiglia Agnelli, dal gruppo De Benedetti, Colaninno e da tutto il «Gotha» del capitalismo italiano, che finalmente aveva potuto mettere le mani sui resti di Ivrea, persuaso a realizzare esattamente il contrario di quanto avrebbe fatto Adriano, normalizzando l’Olivetti, disattendendo tutti i principi fondamentali che avevano ispirato l’azione di Adriano.

Così l’Olivetti, la grande Olivetti che aveva insegnato lo stile e la qualità dei prodotti italiani nel mondo, scomparve (nel 2012), non per un fato avverso (la morte improvvisa di Adriano), ma per la deliberata incapacità e arretratezza dell’imprenditoria italiana a riconoscere che il successo dell’Olivetti dipendeva dalla sua originalità, dalla sua diversità.

Come fosse nulla oggi, dopo averlo rinnegato ben più delle canoniche tre volte, tutti parlano di Olivetti e lo celebrano come un imprenditore visionario. Nessuna autocritica, nessun serio pentimento. L’Italia è il paese in cui si dimentica rapidamente, soprattutto le cose scomode. Ma è anche il paese in cui il progresso va molto piano. Olivetti non avrebbe gradito di essere celebrato per ciò che non era, non un reperto proto-industriale, ma un’azienda viva. Sicché oggi, la forma migliore per rendergli omaggio non è aprire le porte della sua bellissima e luminosissima fabbrica come fosse un bel museo; ma diffondere e praticare a piene mani la sua cultura aziendale, i suoi insegnamenti etici e civili, il suo modello imprenditoriale di straordinario successo… ancora così lontano da tutti gli altri.