È stata distrutta la targhetta commemorativa dedicata a Gina Galeotti Bianchi, la partigiana “Lia” alla quale è intestato dal 19 novembre 2005 il giardino di via Hermada in zona Niguarda a Milano. “La prima caduta dell’insurrezione a Milano contro i nazifascisti” come ha avuto modo di ricordare l’Anpi in queste ultime ore e che ora chiede alle pubbliche autorità immediati interventi affinché vengano puniti i responsabili di questo gesto.

La distruzione della targhetta è per l’associazione Anpi una chiara provocazione di stampo neofascista che “offende la memoria di chi ha sacrificato la propria vita per la libertà di tutti noi”, una distruzione volta a ledere il solido e sentito passato antifascista di questo quartiere milanese. La denuncia è arrivata nelle scorse ore dal segretario metropolitano del Pd milanese, Pietro Bussolati. Il gesto vandalico è stato condannato da tutte le forze politiche: “Per noi è un simbolo. Le autorità inquirenti indaghino, Milano non sia indifferente. Nessun dorma” ha dichiarato al riguardo il  deputato dem Emanuele Fiano.

Gina Galeotti Bianchi partecipò ai moti insurrezionali in zona Niguarda dedicandosi in particolar modo all’assistenza delle famiglie delle vittime della lotta di liberazione, il 24 aprile 1945 si trovava proprio a Niguarda quando uscì assieme alla compagna Stellina Vecchio per portare ai partigiani l’ordine immediato di insurrezione, ma il messaggio non fece in tempo ad arrivare: la donna venne infatti intercettata mentre era in bicicletta da un camion carico di soldati tedeschi in fuga che la colpirono con una raffica di mitra. La partigiana trentaduenne era incinta e aveva appena riferito all’amica di essere contenta perché “il nostro bambino nascerà in un paese libero”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ivrea patrimonio dell’Unesco, no grazie. Olivetti era un’azienda viva, non un monumento

prev
Articolo Successivo

Livorno, salva madre e figlia dopo esplosione. Nogarin: “Cittadinanza”. Lui: “Non chiedo nulla, mi basta quel grazie”

next