Una coppia belga, di origine iraniana, è stata fermata lo scorso sabato nel distretto a Bruxelles di Woluwe-Saint-Pierre con l’accusa di aver pianificato un attentato terroristico. Secondo quanto fa sapere l’antiterrorismo, la coppia è stata trovata in possesso di materiale per la fabbricazione di bombe: 500 grammi di esplosivo TATP e un detonatore. L’obiettivo dell’attentato sarebbe stata la manifestazione organizzata dai Mujahedin del Popolo iraniano, a Villepinte, a nord di Parigi. Secondo i media belgi, i due, Amir S. e sua moglie Nashimeh N. di nazionalità belga, sono residenti a Wilrijk, una cittadina vicino Anversa.”L’attentato è stato sventato grazie a una collaborazione tra la sicurezza dello Stato belga e le autorità giudiziarie francesi e tedesche”, fa sapere la procura belga.

Nel frattempo in Francia è stato arrestato il presunto complice della coppia e sono stati interrogati anche altri due sospettati. Fermato in Germania anche un diplomatico iraniano che lavora presso l’ambasciata a Vienna, sospettato di essere un contatto della coppia iraniana. Altre perquisizioni si sono svolte in 5 località diverse in Belgio.