Chiudevano i bambini in una stanza buia se non finivano presto di mangiare. E poi, riferiscono gli investigatori, gli tiravano i capelli o li colpivano con schiaffi e strattoni quando non erano ubbidienti. È per questo che il giudice per le indagini premilinari del tribunale di Napoli Nord ha sospeso quattro suore di una scuola paritaria di San Marcellino, nel Casertano. Le donne, due di origini filippine, un’indonesiana e la madre superiora italiana, non potranno insegnare per dodici mesi. L’accusa è di aver maltrattato cinque alunni di età compresa fra i 3 e i 5 anni.

Le indagini, condotte dai carabinieri tra aprile e maggio scorso, sono partite grazie alle denunce presentate dai genitori dei bambini, che a casa hanno manifestato disagi, problemi e cambiamenti di umore. Fondamentale è stato l’ausilio delle telecamere, installate dalle forze dell’ordine nei locali dell’asilo, che hanno permesso di accertare le violenze e di individuare le responsabili. Fra le suore sospese dal servizio c’è la madre superiora che, spiegano gli inquirenti, non ha partecipato direttamente ai maltrattamenti ma non li ha nemmeno impediti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alluvione del Sannio, tangenti sui lavori di ricostruzione: arrestato sindaco e geometra del Beneventano

prev
Articolo Successivo

Bologna, il collettivo universitario Hobo fa incursione nella redazione di Repubblica: “Siete giornale di regime”

next