Un altro giovane afroamericano disarmato è stato ucciso dalla polizia. Questa volta è successo a Pittsburgh, in Pennsylvania. Il 17enne Antwon Rose Jr era a bordo di un’auto che gli agenti hanno fermato martedì durante un controllo, in seguito ad una sparatoria avvenuta in un altro punto della città pochi minuti prima. La polizia ha riferito che il teenager è fuggito dalla vettura e in un video diffuso online si vede il giovane che corre di spalle all’agente, poi viene raggiunto dai proiettili.

Rose non aveva un’arma con sé quando è stato colpito ma all’interno dell’auto sono state trovate due pistole. Decine di manifestanti si sono riuniti davanti al dipartimento di polizia di East Pittsburgh per protestare e chiedere risposte dopo l’uccisione del 17enne. Il sovrintendente della polizia della Contea di Allegheny, Coleman McDonough, ha spiegato che Rose è stato colpito da tre colpi di pistola ma non ha precisato se gli hanno sparato alle spalle. La famiglia del ragazzo ha fatto sapere tramite il loro legale che Rose “non rappresentava nessuna minaccia immediata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, io c’ero quando Orbàn ha schierato i militari al confine. Se l’Europa muore è anche colpa sua

next
Articolo Successivo

Usa, Melania Trump visita a sorpresa un centro migranti al confine con il Messico: “Ditemi come posso aiutare”

next